Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il successore di Riccardo Pittis eletto l'altra sera dal Cda per acclamazione

GIUSEPPE RAMANZINI È IL NUOVO PRESIDENTE DI UNIVERSO TREVISO

"Avrò un ruolo di rappresentanza e starò vicino a Treviso Basket"


TREVISO - Giuseppe Ramanzini, noto avvocato trevigiano, 72 anni grande appassionato di basket e da sempre vicino alle sorti della De' Longhi Treviso Basket, è stato eletto Presidente ieri sera nella prima riunione del CDA del Consorzio UniVerso Treviso, la società consortile formata da quasi 50 aziende trevigiane che è proprietaria al 100% delle quote di Treviso Basket. C'erano i "magnifici sette" del CDA, cioè oltre a Ramanzini, Carlo Zanatta (Impa), Piergiorgio Paladin (Ideeurpopee), Andrea Delia (Paideia), Paolo Vazzoler (presidente di TVB), Gianantonio Tramet (Tramite Broker), Marco Fabbrini (ITA, Juego), che ieri hanno espresso con voto unanime per acclamazione la nomina del Presidente e hanno gettato le basi per il lavoro futuro del Consorzio: "Sono contento e orgoglioso per questo incarico, che mi è stato affidato con la fiducia unanime dai rappresentanti del CDA. E' stata la prima nostra riunione ed è stata una bella serata, animata da entusiasmo e spirito positivo. Stiamo cementando rapporti di amicizia e di condivisione dei nostri obiettivi, ma quello che ho avvertito di più è la grande passione e la grande carica che unisce questo gruppo, non solo gli appartenenti al CDA, ma anche tutti gli altri imprenditori coinvolti in questa grande avventura del Consorzio UniVerso Treviso." Dopo la fase di start up con Riccardo Pittis alla presidenza, ora il Consorzio vive di vita propria, quale saranno le principali strategie? "All'interno del CDA ci sono varie professionalità, tutte di alto livello e tutte con a cuore il basket e la città di Treviso: ci siamo divisi i compiti, ognuno avrà un settore a cui dedicarsi, io avro' un ruolo di rappresentanza, cerchero' di stare anche vicino alla squadra, partecipando ed assistendo ad allenamenti e trasferte e di coordinamento delle attività del gruppo. Il Consorzio è sempre in espansione, quindi ci sarà chi seguirà principalmente la parte commerciale, ed abbiamo dei professionisti del settore come Gian Tramet, Fabbrini, Zanatta, altri che sono esperti in eventi e comunicazione come Paladin, altri nel lavoro con i giovani come Delia, abbiamo un vulcano come il grande Presidente Vazzoler, senza dimenticare l'insistituibile apporto di Giovanni Favaro che tira le fila della società e il prezioso aiuto di figure cardine come il notaio Contento e il commercialista Raccamari. Tutti porteranno idee di sviluppo consorzio, proposte per eventi e nuove opportunità per le aziende." Una vera e propria "squadra" che lavorerà fuori dal campo: "Si, un gruppo in cui ho riscontrato spirito proprio da spogliatoio, come una squadra, tanto entusiasmo e idee. Una bella partenza per un gruppo che ha tanta voglia di fare e di lavorare per il basket e per Treviso, il nostro scopo è sempre quello di avvicinare sempre di più Treviso Basket alla città, siamo tutti trevigiani e lo spirito di appartenenza è forte." Per un super appassionato come lei, anche una bella soddisfazione: "Dopo anni di tifo, trasferte, tante partite viste in trent'anni, ci tenevo a mettermi a disposizione e darmi da fare per il basket di Treviso che è la mia passione. Ora con questo bel gruppo di lavoro ho questa responsabilità e cerchero' di mettermi a disposizione nel migliore dei modi fin da oggi partecipando alla vita della società e della squadra."