Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venerdì 14 marzo al Teatro Duse "Mio figlio era come un padre per me"

AD ASOLO IN SCENA I TRENTENNI E LA CRISI, SECONDO I FRATELLI DALLA VIA

Lo spettacolo dei vicentini Marta e Diego Dalla Via, premio Scenario 2013


ASOLO - “Se la prima generazione ha lavorato, la seconda ha risparmiato, la terza ha sfondato, quale compito e quale posto spetta a questa generazione? Noi – è l’amara risposta dei fratelli Dalla Via, di scena questa sera al Teatro Duse di Asolo – viviamo per arrivare primi e negare di avere vinto. Viviamo per riscrivere le nostre ultime volontà.” I vicentini Marta e Diego Dalla Via, lei 35 anni, lui 30, presentano il loro ultimo lavoro, Mio figlio era come un padre per me, premio Scenario 2013. In scena – come nella vita – sono una coppia di fratelli. Con sguardo lucido, ironico e a tratti cinico, i Dalla Via mettono in scena la generazione dei trentenni, alle prese con le loro contraddizioni, il raffronto-scontro con le generazioni precedenti e una perenne ansia da prestazione che li rende incapaci di vivere il presente.

Per uscire da questi crisi che ha “rovesciato addosso” lo specchio del benessere, architettano una soluzione ingenua e grottesca, l’omicidio dei genitori.

 

Con Mio figlio era come un padre per me, la rassegna Centorizzonti conferma la scelta di dare voce e spazio agli artisti veneti, con un occhio particolare nei confronti dei nomi emergenti, non ancora noti al grande pubblico, ma che, come nel caso dei Dalla Via, hanno già dimostrato il loro talento, raccogliendo numerosi premi e riconoscimenti. Marta ha ricevuto il premio Off del Teatro Stabile del Veneto come migliore interprete 2013.

 

Il programma di Centorozzonti prevede altri due appuntamenti nel mese di marzo: sabato 22 marzo, nella sala consiliare di Cavaso del Tomba, sarà la volta di Mario Perrotta, migliore interprete per il premio Ubu 2013, con il suo Italiani Cìncali, mentre domenica 30 marzo il Palamaser a Maser ospiterà Cirk di Pantakin Circoteatro questa volta esplicitamente dedicato a ragazzi e adulti insieme.

 

Per info: www.echidnacultura.it

 

Biglietti:

Intero 13 euro

Ridotto 10 euro