Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

A consegnare la merce ai pusher marocchini una "dama bianca" romena 25enne

TRAFFICO DI HASHISH, BLITZ DI POLIZIA E CARABINIERI: 4 IN CELLA

Sabato gli arresti a Verona ed il sequestro di 7 kg di ovuli di droga


VERONA - Sgominata dai carabinieri di Vittorio Veneto e dagli uomini della squadra mobile di Treviso un'organizzazione che riforniva di hashish la zona del vittoriese. La sinergia tra le forze dell'ordine ha portato a sequestrare 6 kg e 700 grammi di hashish, del valore di 90mila euro: la droga era destinata al mercato degli spacciatori del vittoriese e del vicentino. L'hashish arrivava direttamente dalla Francia: il "corriere" era un'insospettabile donna romena di 32 anni, Ionela Iuliana Dadau, la "dama bianca" (utilizzava spesso vestiti di questo colore, accessori compresi) del gruppo che aveva viaggiato da oltreconfine fino a Verona in corriera, con nella borsa la merce da consegnare. Presso la stazione del capoluogo scaligero c'erano ad attenderla due marocchini, Hamid Elkhadraoui, 26enne residente a Sernaglia, e Mohammed Douhany, 28enne di Torri di Quartesolo. Al momento della consegna per tutti e tre sono scattate le manette. La pista investigativa seguita dai carabinieri vittoriesi e dalla polizia, coordinati dal pm Gabriella Cama, ha origine lo scorso 27 gennaio quando i militari di Castelfranco arrestarono Elkibir Elkhadraoui, marocchino 26enne e fratello di Hamid: lo straniero venne pizzicato in possesso di tre etti di cocaina. Mentre si trovava in carcere i suoi traffici erano stati presi in mano proprio dal fratello, seguito e pedinato per giorni dagli investigatori. Settimane di indagini intense per carabinieri e polizia che sono culminate sabato scorso con le manette per i due magrebini e la donna. Le parole del capo della squadra mobile di Treviso, Enrico Biasutti e di Giancarlo Carraro, comandante dei carabinieri di Vittorio Veneto.

Galleria fotograficaGalleria fotografica