Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Scarcerato il 40enne che ha distrutto una decina di vetture a Vittorio Veneto

AUTO SFASCIATE: AI DOMICILIARI COL BRACCIALETTO ELETTRONICO

Verrà processato a fine marzo: potrebbe dover pagare tutti i danni


VITTORIO VENETO – (gp) E' stato scarcerato, ma dovrà rimanere agli arresti domiciliari con un braccialetto elettronico al polso. Almeno fino al 31 marzo prossimo quando si terrà il processo per direttissima che lo vede imputato di danneggiamento aggravato, detenzione e porto illegale di arma. Lui è il 40enne di Vittorio Veneto finito in manette per aver distrutto a colpi di ascia nella notte tra mercoledì e giovedì una decina di auto, mandando in frantumi lunotti, finestrini, fanali e specchietti retrovisori. L'uomo, dopo il raid contro le vetture parcheggiate, ha anche preso di mira due ippocastani scalfendone i tronchi. Danni per un totale di oltre 10 mila euro che ora il 40enne potrebbe essere costretto a risarcire. Il Comune di Vittorio Veneto e i proprietari dei mezzi pare stiano formalizzando le denunce necessarie per chiedere un congruo risarcimento danni, se non in sede penale almeno in quella civile. Il 40enne, comparso di fronte al giudice Piera De Stefani, ha chiesto un termine a difesa, tramite il suo legale nominato d'ufficio dal tribunale, ottenendo di uscire di cella. Con ogni probabilità sceglierà un rito alternativo ma, visti i suoi precedenti penali (all'attivo ha un patteggiamento a cinque mesi di reclusione per aver incendiato un'auto nel garage del suo condominio danneggiandone altre due) sembra difficile che possa ottenere la sospensione condizionale della pena. Motivo per cui, a condanna definitiva, le porte del carcere per lui dovrebbero riaprirsi nuovamente.