Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venerdì 21 alle 18 sindaci e rappresentanti della società ricorderanno 900 morti

GLI AMMINISTRATORI LOCALI TREVIGIANI LEGGONO I NOMI DELLE VITTIME DI MAFIA

Iniziativa del Comune di Treviso e di Libera per la lotta a Cosa nostra


TREVISO - Novecento nomi letti da amministratori locali, sindacalisti, associazioni di categoria, enti e istituzioni della provincia per non dimenticare le vittime di mafia. L’iniziativa, promossa dal Comune di Treviso e dal coordinamento provinciale Libera di Treviso, si terrà venerdì 21 marzo alle 18 alla Loggia dei Cavalieri.

“Abbiamo dato al piano anticorruzione, approvato nei mesi scorsi, un senso non solamente burocratico, ma di profondo impegno soprattutto nella formazione. Tutti i fenomeni criminali non possono essere combattuti a livello di repressione ma solo attraverso un percorso di formazione: le mafie non devono trovare terreno fertile – commenta l’assessore alle politiche anticorruzione Anna Caterina Cabino .

“I segnali preoccupanti ci sono anche al Nord. Il distretto antimafia parla di forme di riciclaggio di denaro sporco. Luoghi come la provincia di Treviso, dove non vi è una grossa conflittualità, possono fungere da zone di recupero – commenta Andrea Dapporto del coordinamento provinciale Libera - Venerdì prossimo lanciamo l’idea di una partecipazione ampia della società civile, del sindacato, dei politici e degli enti locali che leggeranno 900 nomi di morti per mafia. Ognuno leggerà tre o quattro nomi e sarà un modo per parlare a tutta la cittadinanza. Dobbiamo essere attenti a questo fenomeno e rimpossessarci di una cultura profonda della legalità. C’è stata una forma di sottovalutazione in questi anni, ma la situazione di crisi sta creando ed evidenziando quanto siamo esposti a questo fenomeno e quindi si sta ricreando una coscienza intorno al fenomeno”.

All’iniziativa hanno già aderito il sindaco di Treviso Giovanni Manildo e l’assessore alla cultura Luciano Franchin.