Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO. Nostra intervista al presidente del comitato regionale

MARZIO INNOCENTI: "LA FIR VOLEVA DESTABILIZZARE IL FRONTE VENETO"

Dai Dogi al mondiale Junior 2015, i nodi della nostra palla ovale


TREVISO - Il Rugby veneto rimane in Celtic nonostante i tentativi di destabilizzarlo, lo farà con il Benetton Treviso ma non è detto che prima dello scadere del prossimo quadriennio non nasca la franchigia regionale. Questo il pensiero del presidente del comitato regionale Marzio Innoncenti all'indomani della lunga giornata nella quale il presidente federale nazionale Alfredo Gavazzi ha incontrato prima il presidente di Rovigo Francesco Zambelli e poi quello di Treviso Amerino Zatta, affidando ancora ai Leoni biancoverdi il placet per proseguire l'avventura celtica iniziata nel 2009.

 

"Credo che l'unico obiettivo fosse quello di spezzare il fronte veneto - ha dichiarato senza giri di parole Marzio Innocenti, in diretta a Buongiorno Veneto Uno - erano state le società venete, in attesa di porre in essere il progetto Dogi, a chiedere che fosse Treviso a rappresentarle. Convocando Rovigo, si è messo il presidente Zambelli in posizione imbarazzante e dalla quale poteva uscirne davvero male, ma ne è uscito bene perchè è un signore: e l'unione veneta si è rafforzata ancora di più."

 

Altra questione trattata il Mondiale Junior 2015, con la candidatura veneta snobbata dai vertici nazionali. "Visto l'enorme successo del 2011, volevamo ripetere quella bella esperienza a livello internazionale - ha continuato Innocenti - ma la candidatura è stata accolta con fastidio in ambito politico, e in questo momento le possibilità che venga assegnato al Veneto sono molto basse.

 

Lunedì mattina il presidente del comitato regionale si è anche incontrato con il presidente della Regione Veneto Luca Zaia. "Il governatore Zaia è molto attento al rugby, ha chiesto informazioni su Dogi-Celtic League e sul mondiale Junior. Abbiamo fatto alcune considerazioni su queste questioni e il ruolo della Regione a supporto del nostro rugby."

 

AUDIO Nel link l'intervista integrale di Emanuele Spironello al presidente del comitato veneto della Fir, Marzio Innocenti



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
17/03/2014 - La Celtic sarà biancoverde,
trovato l'accordo Treviso-Fir