Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Intanto il Comune di Pieve di Soligo chiede un vertice per l'ordine e la sicurezza

ALLARME CRIMINALITÀ: “IN ESTATE VIA AL TEST DI VIDEOSORVEGLIANZA”

Saranno 81 le telecamere accese in tutto l'opitergino-mottense


TREVISO - Il presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro, interviene in merito ai nuovi eventi di criminalità locale avvenuti sul territorio, come la rapina a mano armata di ieri a Pieve di Soligo e i raid nelle case. “A partire dall’estate, Santa Lucia e Susegana saranno i primi due comuni a testare le telecamere del progetto VI.SO.RE. – dice il presidente Muraro - La sicurezza è valore aggiunto e imprescindibile per una società civile. In un periodo di crisi come questo, dove da una parte la spending review costringe a tagliare personale di polizia e dall’altra la nuova povertà spesso porta ad un’ondata di microcriminalità, è quanto mai necessario che le istituzioni facciano sistema per sostenere il territorio. Il progetto di videosorveglianza vuole essere un esempio di buona prassi inter-istituzionale che parte da un’analisi attenta di dati del territorio. Le videocamere, infatti, spesso sono un deterrente, ma soprattutto sono uno strumento indispensabile a disposizione delle forze dell’ordine per la ricostruzione degli eventi e per l’individuazione di chi delinque”. “Il progetto Vi.SO.RE. fortemente voluto dalla Provincia di Treviso parte, in fase sperimentale, dall'area dell'opitergino-mottense: 81 telecamere in 27 Comuni, progetto da oltre 5 milioni di euro che ha ottenuto fondi ministeriali e regionali, frutto del lavoro di concertazione tra la Provincia stessa e Prefettura, Carabinieri, Guardia di Finanza, Questura, Polizie Locali, Vigili del Fuoco, Comuni. Insomma, il territorio sta facendo la sua parte, unito e compatto– chiude Muraro – ora spetta a Roma dare un segnale forte: invece di continuare a tagliare le risorse umane in capo alle forze dell’ordine rafforzino i presidi territoriali”.