Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Chiedono di trattenere Imu e Tasi e propongono un fondo di solidarietą regionale

"PORTIAMO LO STATO DAVANTI ALLA CORTE COSTITUZIONALE"

I sindaci della Marca in campo: "Violata la nostro autonomia"


TREVISO - I sindaci trevigiani sono pronti a portare davanti alla Corte Costituzionale lo Stato italiano. I comuni della Marca, tramite la loro associazione, infatti, hanno sottoscritto un documento in cui ribadiscono come lo Stato abbia progressivamente reso insostenibile la situazione finanziaria degli enti locali. Azzerando di fatto i trasferimenti, vincolando risorse e impedendo di fare investimenti anche per servizi essenziali alla cittadinanza come strade o scuole. E, per giunta, imponendo loro di diventare gabellieri per riscuotere tasse che poi vengono girate all'amministrazione centrale. Il testo, firmato già da una settantina di sindaci (i restanti si stanno via via aggiungendo), chiede di lasciare ai Comuni l'Imu, la Tasi e l'addizionale Irpef. Gli amministratori sollecitano anche due provvedimenti a stretto giro: lo sblocco del patto di stabilità per l'edilizia scolastica e la creazione, in via sperimentale in Veneto, di un fondo di perequazione su scala regionale anziché nazionale.

Una riforma della finanza locale non è più rinviabile, spiega Vigilio Pavan presidente dell'Associazione dei Comuni della Marca.

I Comuni chiedono alla regione di farsi interprete di queste istanze. Ma nel caso non venissero accolte sono pronti a procedere anche per vie legali. L'articolo 114 della Costituzione, mettendo sullo stesso piano Stato, Regioni, Province e Comuni, dà la facoltà di sollevare un conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato davanti alla Corte costituzionale, sottolinea Marzio Favero, sindaco di Montebelluna.

E' la terza incarnazione del movimento dei sindaci. I precedenti, ammettono gli stessi amministratori, non hanno prodotto grandi risultati. Ma stavolta, assicura Franco Bonesso, vicesindaco a Trevignano e vicepresidente della Provincia, l'esito sarà diverso.