Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ipotesi emersa durante il vertice in Prefettura, altra soluzione potrebbe essere Silea

NIENTE DOGANA, PROFUGHI OSPITI ANCHE NELLE CASE DI RIPOSO

Venti migranti potrebbero trovare sistemazione nelle strutture Israa


TREVISO - Sono ore convulse per trovare una sistemazione definitiva ai 40 profughi giunti a Treviso sabato scorso ed attualmente ospitati a Paderno di Ponzano dal parroco don Aldo Danieli, almeno fino a giovedì prossimo. I migranti dovrebbero restare nella Marca almeno fino al prossimo mese di giugno. C'è una rosa di ipotesi che attualmente sono al vaglio della Prefettura. Sul tema stamani si è tenuto un vertice. "La Dogana è inagibile": ha subito chiarito l'assessore comunale di Treviso, Ofelio Michielan, presente all'incontro con l'assessore Liana Manfio. Al vertice ha partecipato, tra gli altri, anche don Davide Schiavon, presidente della Caritas di Treviso che dopo la riunione ha però scartato telecamere e taccuini. Scartata questa ipotesi prende corpo la possibile sistemazione di parte dei migranti, almeno una ventina, presso una struttura dell'Israa. A rivelarlo è stato il presidente Luigi Caldato. Altri profughi potrebbero essere sistemati presso le strutture dei Comuni di Silea, alla Caritas di Treviso (certamente 4) e alla cooperativa Solidarietà di Vascon di Carbonera (cui ne saranno assegnati 3). Una nuova riunione, da cui dovrebbe emergere una definitiva soluzione del caso, si svolgerà domani alle ore 13 sempre in Prefettura. 

Manildo: grazie a don Aldo. “Treviso sta facendo la sua parte. I toni propagandistici della Lega non servono. Credo sia più utile per tutti, per le persone arrivate nel nostro territorio così come per la nostra comunità, assumere un atteggiamento concreto e costruttivo davanti all’emergenza. Da due giorni gli assessori al sociale Liana Manfio e alla protezione civile Ofelio Michelan stanno individuando, insieme agli organi preposti, delle misure seppur temporanee per l’accoglienza”. Commenta così il sindaco di Treviso Giovanni Manildo la vicenda dei profughi africani arrivati nei giorni nei giorni scorsi nel territorio della Marca. “Ringrazio quanti, come il parroco di Paderno Don Aldo, si sono subito attivati per dare alloggio a queste persone. Ancora una volta il tessuto sociale della nostra provincia si dimostra più concreto e attento di certa politica”.