Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ipotesi emersa durante il vertice in Prefettura, altra soluzione potrebbe essere Silea

NIENTE DOGANA, PROFUGHI OSPITI ANCHE NELLE CASE DI RIPOSO

Venti migranti potrebbero trovare sistemazione nelle strutture Israa


TREVISO - Sono ore convulse per trovare una sistemazione definitiva ai 40 profughi giunti a Treviso sabato scorso ed attualmente ospitati a Paderno di Ponzano dal parroco don Aldo Danieli, almeno fino a giovedì prossimo. I migranti dovrebbero restare nella Marca almeno fino al prossimo mese di giugno. C'è una rosa di ipotesi che attualmente sono al vaglio della Prefettura. Sul tema stamani si è tenuto un vertice. "La Dogana è inagibile": ha subito chiarito l'assessore comunale di Treviso, Ofelio Michielan, presente all'incontro con l'assessore Liana Manfio. Al vertice ha partecipato, tra gli altri, anche don Davide Schiavon, presidente della Caritas di Treviso che dopo la riunione ha però scartato telecamere e taccuini. Scartata questa ipotesi prende corpo la possibile sistemazione di parte dei migranti, almeno una ventina, presso una struttura dell'Israa. A rivelarlo è stato il presidente Luigi Caldato. Altri profughi potrebbero essere sistemati presso le strutture dei Comuni di Silea, alla Caritas di Treviso (certamente 4) e alla cooperativa Solidarietà di Vascon di Carbonera (cui ne saranno assegnati 3). Una nuova riunione, da cui dovrebbe emergere una definitiva soluzione del caso, si svolgerà domani alle ore 13 sempre in Prefettura. 

Manildo: grazie a don Aldo. “Treviso sta facendo la sua parte. I toni propagandistici della Lega non servono. Credo sia più utile per tutti, per le persone arrivate nel nostro territorio così come per la nostra comunità, assumere un atteggiamento concreto e costruttivo davanti all’emergenza. Da due giorni gli assessori al sociale Liana Manfio e alla protezione civile Ofelio Michelan stanno individuando, insieme agli organi preposti, delle misure seppur temporanee per l’accoglienza”. Commenta così il sindaco di Treviso Giovanni Manildo la vicenda dei profughi africani arrivati nei giorni nei giorni scorsi nel territorio della Marca. “Ringrazio quanti, come il parroco di Paderno Don Aldo, si sono subito attivati per dare alloggio a queste persone. Ancora una volta il tessuto sociale della nostra provincia si dimostra più concreto e attento di certa politica”.