Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Mogliano Veneto: il 46enne fu il primo a Treviso ad avere il braccialetto elettronico

SPINSE LA COGNATA FUORISTRADA: SEI MESI A UN COMMERCIALISTA

Appostato fuori di casa, l'avrebbe seguita e speronata in auto


MOGLIANO VENETO – (gp) Era stato il primo in provincia di Treviso a ricevere il braccialetto elettronico. Ora, al termine del processo per direttissima che lo vedeva imputato di violenza privata nei confronti della cognata, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, un commercialista 46enne di Mogliano Veneto è tornato a essere un uomo libero dopo aver ottenuto un patteggiamento a sei mesi di reclusione e contemporaneamente la sospensione condizionale della pena. Stando a quanto ricostruito dalla Procura di Treviso, l'uomo, separato dalla moglie con la quale avrebbe avuto un rapporto conflittuale, avrebbe tentato di bloccare la cognata mentre stava uscendo dalla sua abitazione in auto con la figlia. Il 46enne l'avrebbe affiancata, forse scambiandola proprio per la moglie, facendola poi fuoriuscire dalla sede stradale. La vittima ha chiamato il 112 e i carabinieri, rintracciato l'uomo, lo avevano fermato per un controllo. Era il 24 febbraio scorso e lui, secondo l'accusa, sarebbe ripartito con l'auto urtando il capo equipaggio e ferendolo a una mano per qualche giorno di prognosi, finendo poi in manette.