Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Tour informativo dello Spi Cgil nelle case di riposo della Marca

"NIENTE CERTIFICATI A CASA, PENSIONATI DISORIENTATI"

Barbiero lancia l'allarme per le prossime dichiarazioni dei redditi


TREVISO - “Oltre 200mila pensionati trevigiani dai prossimi giorni saranno alle prese con la dichiarazione dei redditi. A causa della complessità dell’operazione e del mancato invio dei modelli Cud, Obis M (la cosiddetta busta paga del pensionato) e delle altre certificazioni dei redditi da parte dell’Inps, c’è un concreto rischio di disorientamento fiscale”. Così Paolino Barbiero, segretario generale dello SPI CGIL di Treviso, definisce la situazione che vivono oggi gli anziani della Marca.

Il problema, denuncia il sindacato, è dovuta al fatto che, dall'anno scorso, per risparmiare, l'ente previdenziale non invia più a casa via posta i modelli cartacei. “La disposizione dell’Inps, obbligata dai tagli derivanti dalla Spending Review –continua Barbiero – in questo particolare momento di difficoltà ha messo a repentaglio i redditi da pensione, specialmente per la fascia più debole della popolazione anziana, poco informata e spesso impossibilitata a raggiungere gli uffici. Altro che semplificazione – ha tuona Barbiero - in questo totale disorientamento fiscale si rischia l’isolamento dei pensionati, che restano in attesa, oltretutto vana, dei modelli di certificazione”.

Proprio per cercare di prevenire questi problemi, lo Spi Cgil, con i suoi operatori ha avviato un tour di sensibilizzazione nelle case di riposo trevigiane, dove risiedono circa 6mila pensionati.