Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alla sbarra un 34enne trevigiano: avrebbe minacciato la ex fidanzata e il suocero

"TI AMMAZZO E POI TI STRAPPO IL CUORE": A GIUDIZIO PER STALKING

La vittima si è costituita parte civile chiedendo un risacimento danni


TREVISO – (gp) Dopo la fine della loro storia d'amore, e della relativa convivenza, avrebbe reso la vita impossibile alla sua ex fidanzata tanto da costringerla a denunciare tutto alle autorità. Dopo essere stato sottoposto a un divieto di avvicinamento alla giovane, un 34enne trevigiano originario del Marocco è stato rinviato a giudizio per stalking, molestie, minacce e ingiurie non solo nei confronti della donna, che si è costituita parte civile con l'avvocato Alessandra Nava, ma anche del suocero. L'uomo, difeso dall'avvocato Luisa Gatto, ha sempre respinto le accuse preferendo non optare per alcun rito alternativo e professare la propria innocenza a dibattimento. Secondo la Procura di Treviso però le prove a carico del 34enne, basate sulla denuncia delle vittime, sarebbero schiaccianti. Dal novembre 2012 (quando la relazione tra i fidanzati venne troncata) al settembre 2013 si sarebbero susseguiti diversi episodi di minacce tutt'altro e persecuzioni tutt'altro che velate: “Ti ammazzo e ti strappo il cuore con le mie mani, non avrai più coraggio di uscire di casa, ti renderò la vita infernale, la pagherai per aver distrutto la vita a mio figlio” sono solo alcune delle frasi che il 34enne avrebbe pronunciato. L'episodio che fece scattare la denuncia, e successivamente il divieto di avvicinamento, è datato 24 settembre 2013: il 34enne avrebbe affiancato l'auto dell'ex fidanzata, le avrebbe sputato contro e poi le avrebbe fatto il segno di volerle tagliare la gola. Comportamenti di cui ora dovrà rispondere di fronte a un giudice.