Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il bestiame a Rosarno, il "basista" viveva a 50 metri dall'azienda agricola derubata

FURTO DI 44 VITELLONI: ERANO IN CALABRIA, SEI DENUNCIATI

Colpo messo a segno il 14 settembre a San Zenone degli Ezzelini


FONTE - Nella notte dello scorso 14 settembre riuscirono a far sparire ben 44 vitelloni presso un'azienda agricola di via Boschier a San Zenone degli Ezzelini. I carabinieri del nucleo operativo di Castelfranco e della Compagnia di Onè di Fonte, dopo sei mesi di indagini, hanno identificato i componenti della banda che riuscì ad organizzare il colpo: si tratta di sei persone, quattro denunciate per furto, due, entrambe di origine calabrese, che ora dovranno rispondere di ricettazione. L'indagine, molto complessa, è stata coordinata dal pm Valeria Sanzari e dal comandante dei carabinieri di castelfranco, Salvatore Gibilisco. Fondamentale il racconto di due testimoni, residenti nella zona: i due riferirono di aver sentito i muggiti del bestiame e di aver visto un camion con rimorchio posteggiato a due passi dall'azienda. Altri due testimoni, Gioacchino Guidolin e Lisa Boffo, dissero di trovarsi in casa ma di non aver sentito nessun rumore perchè impegnati a vedere un film. Nel loro racconto però qualcosa evidentemente non quadrava. Lo stesso Guidolin, scopriranno i carabinieri, era infatti implicato nel furto: lui ed un 23enne calabrese, Giuseppe Navarra, avevano commissionato ad un camionista della zona il trasporto del bestiame fino a Siderno, in provincia di Reggio Calabria. I due, la sera del furto, hanno atteso l'autotrasportatore presso un distributore di benzina di Loria in via Manzolino, conducendolo presso la stalla. In caso di controllo la banda aveva prodotto e consegnato al camionista dei documenti falsi con moduli e timbri di un'azienda agricola non più esistente. Il camion rimorchio ha così raggiunto la Calabria (sarà videoripreso dalle telecamere comunali di Loria) ed in particolare Rosarno dove i 44 vitelloni sono stati ricevuti da Valerio Navarra, 20 anni, fratello di Giuseppe, trasportati presso una stalla di proprietà di un 62enne, Cosimo Panetta e ricettati da un 51enne, Pantaleone Valerioti che è stato anche arrestato per essere stato trovato in possesso di una pistola rubata. Gli investigatori hanno accertato che il furto era stato organizzato da un 24enne di Maser, Gianluca Pappa, e da Valerio Navarra.