Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sotto inchiesta per appropriazione indebita in concorso anche Gianluca Campagnaro

INCHIESTA NES: GLI INDAGATI PER IL BUCO MILIONARIO ORA SONO TRE

Per gli inquirenti sarebbe stato lui a consegnare il denaro a Schiavon


TREVISO – (gp) Mentre i creditori sono in fila per insinuarsi nello stato passivo della Nes, l'inchiesta condotta dal pm Massimo De Bortoli continua e ha portato all'iscrizione di una terza persona nel registro degli indagati. Sempre per l'ipotesi di reato di appropriazione indebita aggravata in concorso, sotto la lente della Procura di Treviso è finito Gianluca Campagnaro, colui che secondo gli inquirenti avrebbe materialmente consegnato il denaro a Massimo Schiavon che a sua volta lo consegnava nelle mani di Luigi Compiano. Si tratta per lo più di un atto dovuto (almeno questo filtra dalla Procura) e che difficilmente potrà portare a un'eventuale condanna per Campagnaro: sarebbe infatti arduo dimostrare a processo che il terzo indagato fosse a conoscenza di dove finiva il denaro prelevato da Schiavon e in che maniera venisse poi impiegato. In pratica non sarebbe stato a conoscenza del buco milionario che negli anni, secondo la Procura, anche lui avrebbe contribuito a creare anche se con un ruolo del tutto marginale e inconsapevole.