Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il gip rigetta il ricorso presentato da Nicola Vendraminetto e Paride Danieli

RISSA ALLA FESTA SUI BASTIONI: IL CASO ARCHIVIATO DOPO SETTE ANNI

Sotto accusa c'erano dodici ragazzi dell'estrema destra trevigiana


TREVISO – (gp) La magistratura trevigiana ha messo la parola fine all'inchiesta in merito alla rissa scoppiata alla Festa sui Bastioni. Il gip Gioacchino Termini, a sette anni dall'episodio, ha infatti archiviato il fascicolo aperto a seguito della denuncia presentata da due giovani dell'Ubik Lab, che aveva organizzato la festa, contro dodici persone appartenenti alle frange cittadine dell'estrema destra. Era il 25 maggio 2007 e quella rissa venne raccontata come un assalto in piena regola con una ventina di ragazzi armati di spranghe e cinghie che si sarebbero lanciati contro i coetanei del gruppo di sinistra. Sul posto, per dividerli, arrivarono polizia e carabinieri. Molti giovani furono portati al pronto soccorso: tra loro c'era anche Nicola Vendraminetto, attuale portavoce del collettivo Ztl, che venne medicato alla fronte riportando ferite giudicate guaribili in dieci giorni di prognosi. Proprio Vendraminetto, assieme a Paride Danieli, presentarono nel giugno scorso opposizione all'archiviazione, facendosi assistere dall'avvocato Giuseppe Romano. La Procura di Treviso infatti, non avendo prove per sostenere un'accusa a processo, aveva deciso di chiudere la vicenda e lasciare senza colpevoli quella rissa. Ma dopo aver fatto nomi e cognomi nella denuncia (che si affiancava alle denunce fatte partire dalla Digos), i due esponenti dei centri sociali volevano andare in fondo alla questione chiedendo giustizia e un supplemento di indagini. Ma la prescrizione ha bloccato tutto: i fatti contestati si sono estinti nel maggio 2013, dopo sei anni. Motivo per cui il giudice ha chiuso il caso archiviando il fascicolo.