Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'allarme: centinaia di operatori e di associaizioni a rischio paralisi

CERTIFICATI ANTI-PEDOFILIA, VOLONTARIATO DI MARCA NEL CAOS

Poi in serata il ministero chiarisce: "Solo per i rapporti di lavoro"


TREVISO - Pericolo scampato per centinaia di associazioni di volontariato della Marca. L'obbligo del certificato del casellario giudiziale per le persone da impiegare in attività a contatto con i minori, previsto dal decreto che attua una direttiva Ue in materia di lotta alla pedofilia, scatta solo di fronte alla stipula di un contratto di lavoro e non dove ci si avvalga di forme di collaborazione: non grava, quindi, «su enti e associazioni di volontariato pur quando intendano avvalersi

dell'opera di volontari». Lo precisa una circolare del ministero della Giustizia, appena pubblicata sul sito, che chiarisce alcuni aspetti relativi all'applicazione del decreto. La normativa aveva mandato in fibrillazione l'intero mondo del volontariato trevigiano.

"Norme sacrosante, ma che non possono essere applicate d’un colpo a tutto il variegato mondo delle organizzazioni che si occupano di minori", aveva dichiarato Adriano Bordignon, presidente di Volontarinsieme – CSV Treviso. In base ad una direttiva europea, recepita dalla normativa italiana il 22 marzo scorso, infatti, tutti i volontati di organizzazioni no profit che lavorino a contatto con minori devono presentare entro il 6 aprile il certficato della fedina penale per dimostrare di non aver subito condanne per reati come pedofilia, abusi sessuali su minorenni, pedopornografia, sfruttamento e simili. Le varie associazioni condividevano le motivazioni del provvedimento, ma contestavano i tempi strettissimi (due settimane) concessi per mettersi in regola e i costi. Questo rischiava di compromettere e bloccare del tutto l'attività di decine di associazioni nei più svariati campi, dall'assistenza ai disabili ai trasporti, alla formazione. Nelle sole iniziative legate al reparto di pediatria dell'ospedale di Treviso, ad esempio, sono impegnate circa 150 persone. Senza contare le decine di società e club sportivi che svolgono attività giovanile. Le pene da 10.000 a 15.000 euro. La "fedina penale" deve essere richiesta da ogni interessato alla Procura della Repubblica competente, pagando una marca da bollo da  16  euro, più un'altra 7,08 se il certificato è urgente o da 3,54 senza urgenza. Circa 27 euro, dunque, che diventano 54 all'anno in quanto il certificato penale ha valenza di soli sei mesi.