Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 60enne di Agna, considerato il leader del gruppo "Alleanza", non risponde al gip

LUIGI FACCIA: "SONO VENETO, MI DICHIARO PRIGIONIERO DI GUERRA"

L'avvocato Arman: "Lo Stato cerchi una trattativa, non lo scontro"


VICENZA - “Come responsabile del Veneto Fronte di Liberazione, servitore della Veneta Serenissima Repubblica mi dichiaro prigioniero di guerra”. Sono le uniche parole pronunciate nel corso dell'interrogatorio di garanzia da Luigi Faccia, il 60enne di Agna considerato dagli inquirenti il leader del gruppo “Alleanza”. Difeso dagli avvocati Andrea Arman e Alessandro Zagonel, l'ex serenissimo si è avvalso della facoltà di non rispondere dimostrandosi però determinato, come riferiscono i legali, a portare avanti i suoi ideali di indipendenza. A testimoniarlo la piccola schermaglia con il giudice e la cancelleria quando, al momento delle generalità, Faccia ha risposto alla domanda sulla propria nazionalità dichiarandosi veneto. I legali del leader dei “secessionisti” arrestati dal Ros hanno preferito non rilasciare ulteriori commenti in merito all'inchiesta, visto che la mole di documenti da studiare è ampia. L'avvocato Arman ha però sottolineato che, considerando i precedenti storici che riguardano il Veneto, lo Stato italiano farebbe bene a prendere in considerazione le istanze dei veneti e di cercare una trattativa e non lo scontro.