Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 60enne di Agna, considerato il leader del gruppo "Alleanza", non risponde al gip

LUIGI FACCIA: "SONO VENETO, MI DICHIARO PRIGIONIERO DI GUERRA"

L'avvocato Arman: "Lo Stato cerchi una trattativa, non lo scontro"


VICENZA - “Come responsabile del Veneto Fronte di Liberazione, servitore della Veneta Serenissima Repubblica mi dichiaro prigioniero di guerra”. Sono le uniche parole pronunciate nel corso dell'interrogatorio di garanzia da Luigi Faccia, il 60enne di Agna considerato dagli inquirenti il leader del gruppo “Alleanza”. Difeso dagli avvocati Andrea Arman e Alessandro Zagonel, l'ex serenissimo si è avvalso della facoltà di non rispondere dimostrandosi però determinato, come riferiscono i legali, a portare avanti i suoi ideali di indipendenza. A testimoniarlo la piccola schermaglia con il giudice e la cancelleria quando, al momento delle generalità, Faccia ha risposto alla domanda sulla propria nazionalità dichiarandosi veneto. I legali del leader dei “secessionisti” arrestati dal Ros hanno preferito non rilasciare ulteriori commenti in merito all'inchiesta, visto che la mole di documenti da studiare è ampia. L'avvocato Arman ha però sottolineato che, considerando i precedenti storici che riguardano il Veneto, lo Stato italiano farebbe bene a prendere in considerazione le istanze dei veneti e di cercare una trattativa e non lo scontro.