Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ex quadro direttivo dell'istituto di credito chiede di riavere il posto di lavoro

FA CAUSA A VENETO BANCA, COME TESTI VUOLE BERLUSCONI E VERDINI

Anche la giornalista di Report Milena Gabanelli tra i testimoni


TREVISO – (gp) Intenta una causa di lavoro contro Veneto Banca per ingiusto licenziamento e a testimoniare chiama l'ex premier Silvio Berlusconi, l'ex coordinatore nazionale di Forza Italia Denis Verdini e la giornalista di Report Milena Gabanelli. Un parterre di tutto rispetto che potrebbe sfilare di fronte al giudice Massimo Galli nei prossimi mesi. Ieri mattina inanto si è tenuta la prima udienza in cui sono stati ascoltati il ricorrente, un ex quadro direttivo alla Direzione crediti della sede di Montebelluna con anche una lunga esperienza da sindacalista Rsa nella Fiba Cisl, e la procuratrice speciale dell'istituto di credito che per chiudere la questione, stando a quanto riferito dall'avvocato Sergio Calvetti che rappresenta il ricorrente, avrebbe presentato un'offerta economica ritenuta però dalla controparte “non soddisfacente”. Il giudice ha così rinviato l'udienza fissando due termini per presentare delle memorie e per le repliche. Poi a inizio maggio deciderà se procedere con l'istruttoria e quindi se Berlusconi, Verdini e la Gabanelli dovranno presentarsi in tribunale a Treviso per essere ascoltati come testimoni. Per capire cosa c'entrino questi big della politica e del giornalismo con la controversia civile è presto detto. Secondo Veneto Banca l'ex dipendente avrebbe “passato” alla stampa dei documenti riservati che avrebbero svelato un finanziamento di 7,6 milioni di euro concesso dall’amministratore delegato dell'istituto di credito a Verdini. Era il 13 dicembre 2012 quando la notizia apparse sui giornali e una settimana più tardi, il 21 dicembre, l'ex dipendente venne sospeso in via cautelativa. E secondo l'ex quadro direttivo non sarebbe una casualità. Ma l'impugnazione al licenziamento punta il dito sulla trattativa che era in corso proprio in quel periodo tra le organizzazioni sindacali e Veneto Banca in merito alla cancellazione del premio di fedeltà da 10 milioni di euro accantonato dall’azienda, oggetto di una dura battaglia sindacale. E qui entrano in gioco le figure di Silvio Berlusconi e di Milena Gabanelli. Dopo che la notizia del prestito a Verdini divenne pubblica, nell'ottobre 2013 la trasmissione Report sosteneva che quei 7,6 milioni erano stati garantiti con una fidejussione personale dell’ex premier. La prova, secondo il ricorrente, che la fuga di notizie non è partita da Montebelluna ma da Roma, e quindi non sarebbe lui la “talpa”. Motivo per cui chiede di riavere il proprio posto di lavoro.