Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 30enne era accusato di sequestro di persona, lesioni e porto abusivo di armi

L'EX FIDANZATA S'INVENTA TUTTO: EDMOND GJZELI È STATO ASSOLTO

In aula l'avvocato Fabio Crea ha smontato l'impianto accusatorio


MANSUE' – (gp) L'ex fidanzata, un ragazza romena ora 23enne che lo aveva fatto finire prima in carcere e poi sotto processo, si è inventata tutto. O meglio Edmond Gjzeli, 30enne albanese residente a Mansuè, è stato assolto dal tribunale di Vicenza dalle accuse di sequestro di persona, lesioni gravi, porto abusivo d'armi, violenza privata aggravata e violazione di domicilio. Il suo legale, l'avvocato Fabio Crea, è riuscito infatti a dimostrare in aula che il racconto della presunta vittima non era attendibile e che non aveva trovato alcun riscontro probatorio, facendo così crollare l'impianto accusatorio. I fatti contestati hanno inizio il 27 febbraio 2012 quando la giovane, dopo un periodo di convivenza con l'imputato durato circa un anno, aveva deciso di tornare a vivere a Vicenza dalla madre. Quel giorno Gjzeli avrebbe preso la sua auto e si sarebbe recato dalla fidanzata. Secondo l'accusa, sorprendendola mentre rincasava, l'avrebbe prima picchiata nell'abitazione, poi l'avrebbe caricata a forza in macchina e nel tragitto in autostrada verso Conegliano avrebbe continuato a metterle le mani addosso, rompendole il labbro e fratturandole il naso. “Dobbiamo fare i conti io e te” le avrebbe detto, puntandole contro una pistola (poi non ritrovata al momento della perquisizione e dell'arresto). Ma la violenza non si sarebbe fermata: per un'intera giornata la 23enne sarebbe rimasta in balia dell'allora fidanzato il quale, una volta usciti dall'autostrada, l'avrebbe rinchiusa nel bagagliaio dell'auto per andare in una sala giochi a Oderzo, poi nella camera di un albergo a Ponte di Piave e infine, portandole via la carta d'identità e il telefonino, l'avrebbe trascinata a forza da un parrucchiere per togliere il sangue che aveva tra i capelli. Sarebbe stata quella l'ultima tappa del viaggio: Gjzeli l'avrebbe infatti lasciata andare. Lei, sconvolta, avrebbe raggiunto la madre a Vicenza e poi si sarebbe recata all'ospedale San Bortolo per farsi curare. La prognosi: lacerazione del labbro inferiore e rottura del setto nasale giudicate guaribili in 20 giorni. Dopo quell'episodio scattò la denuncia. Ma quei fatti, secondo i giudici, non si sarebbero mai verificati.