Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Confartigianato: "681 euro per certificazione gią ottenute"

L'INAIL EFFETTUA IL CONTROLLO, MA DEVE PAGARE L'IMPRESA

Artigiano vittoriese si trova addebitata l'ispezione all'impianto elettrico


VITTORIO VENETO - Non ha richiesto la verifica, eppure si è trovato addebitato a proprio carico il costo. E' quel che è successo ad un artigiano di Vittorio Veneto: secondo quanto denunciato dalla Confartigianato della Marca, il piccolo imprenditore, come prescritto ogni cinque anni, ha fatto controllare da un tecnico specializzato l'impianto di messa a terra elettrica della sua ditta, attiva nella lavorazione della lamiera. La scorsa settimana l'Inail ha effettuato un ulteriore controllo d'ufficio sull'apparecchiatura. Tutto in regola, non fosse che l'imprenditore si è visto addebitare 681 euro per il costo della verifica. Verifica, protesta l'associazione di categoria, decisa a campione dallo stesso istituto, mentre il titolare aveva già assolto agli obblighi previsti dalla normativa. In più l'artigiano ha dovuto pagare anche la parcella del nuovo tecnico intervenuto per il controllo. Per questo la Confartigianato promette battaglia per far modificare le normative alla base di questi controlli.