Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Blitz della GdF in quattro aziende edili, traditi da un file chiamato "Gino e Crodino"

MAXI TRUFFA ALL'INPS: OPERAI AL LAVORO MA PAGATI CON LA CIG

Nei guai nota famiglia della Castellana, evasione da 6 milioni di euro


CASTELFRANCO - Quattro aziende specializzate nella carpenteria, tutte riconducibili alla famiglia Astone di Riese Pio X, sono finite nel mirino delle fiamme gialle per evasione fiscale e truffa aggravata. Tre le persone indagate, due fratelli 50enni ed un nipote 30enne, responsabili delle ditte che avevano tutte sede presso lo stesso luogo. Due delle srl del gruppo, hanno accertato le fiamme gialle, pagavano gli operai in parte con la cassa integrazione indebitamente percepita, ed inparte in nero con denaro “fuori busta”. Tra il 2009 ad oggi le aziende hanno ricevuto oltre 350mila euro dall'Inps con un totale di 61.264 ore di cassa integrazione guadagni. La contabilità fittizia delle due ditte e le buste paga dei lavoratori, quasi tutti stranieri, erano nascoste in uno dei pc che sono stati sequestrati dalle fiamme gialle, in un file denominato "gino e crodino". Le ditte si sarebbero servite negli ultimi cinque anni di 143 lavoratori, di cui 8 in nero: tutti ignari del “trucchetto” con cui venivano retribuiti. Le aziende erano impegnate in lavori solitamente con contratto di subappalto sia in Veneto ma anche a Trieste, Milano e Roma. Le altre due aziende del gruppo, hanno accertato gli investigatori, avrebbero invece evaso complessivamente oltre 6 milioni di redditi nascosti al Fisco: le fatture, tra il 2010 ed il 2011, non erano mai state registrate, ne' contabilizzate. L'evasione complessiva, oltre ai 6 milioni, è di 600mila euro per quanto riguarda l'Iva, 130mila euro di Irap oltre a 200mila euro di ritenute non operate.