Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Indagini chiuse per il colpo messo a segno ai danni di Raffaele Barazzuol

PIZZAIOLO RAPINATO: ANCHE L'EX FIDANZATA TRA I RESPONSABILI

In quattro verso il processo: vittima il titolare del "Lago Verde"


TREVISO – (gp) Secondo la Procura di Treviso sarebbero tre i responsabili della rapina messa a segno ai danni di Raffaele Barazzuol, il 40enne titolare della pizzeria "Lago verde" di Casier rimasto vittima di un agguato il 4 luglio scorso. L'indagine della squadra mobile di Treviso e dei carabinieri di Dosson, dopo cinque mesi di indagini aveva portato all'arresto di tre kossovari di 19, 24 e 25 anni, Mark Nikolli, Joni Shehaj e Leonard Gashi, e alla denuncia a piede libero di altre cinque persone. La Procura di Treviso, chiedendo l'archiviazione per Joni Shehaj, ha invece formalizzato le accuse nei confronti di Nikolli (difeso dall'avvocato Fabio Crea) e Gashi (difeso dall'avvocato Pretty Gorza), e anche dell'ex fidanzata di Barazzuol (con lui nella foto), la 27enne cubana Luna Y Navarro, considerata dagli inquirenti la basista del colpo e di un'altra rapina messa a segno a Vedelago il 23 settembre scorso ai danni dei coniugi Giuseppe Bresolin e Annalisa Bonin, molto conosciuti nella zona e proprietari di una concessionaria d'auto. Sospettati di questa seconda rapina sono proprio Nikolli e Gashi. Legata a questa vicenda, confluita nel fascicolo principale per il colpo ai danni di Barazzuol, gli inquirenti accusano di ricettazione un'amica di Luna Y Navarro, una 22enne romena: nell'abitazione in cui vivevano entrambe (tutt'e due, difese dall'avvocato Luca Dorella, sarebbero fidanzate con i due presunti rapinatori) vennero ritrovate le borse (sette Louis Vuitton contraffatte e una Gucci autentica9 che vennero rubate alla coppia di Vedelago. L'accusa per rapina Barazzuol si basa sui riscontri del dna e sull'incrocio dei dati del gps dell'auto dei malviventi e dei loro cellulari al momento della rapina: gli investigatori repertarono alcuni mozziconi di sigaretta a circa 20 metri dal luogo della rapina e il dna ricavato combaciava perfettamente con altri mozziconi e tracce biologiche repertate dagli agenti seguendo, passo passo, i movimenti della banda. I rapinatori, e questo è il dato più singolare, rubarono a Raffaele Barazzuol anche il telefono cellulare: uno dei banditi, nel tentativo si sbloccarlo, si fece inavvertitamente immortalare in una foto prima di gettarlo via.