Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'avvocato Luca Azzano Cantarutti presenterą ricorso al tribunale del Riesame

MARIA MARINI RESTA IN CARCERE: ISTANZA DI LIBERAZIONE RIGETTATA

Attesa per Franco Rocchetta: il gip deciderą entro fine settimana


TREVISO – (gp) Maria Marini dovrà rimanere nel carcere veneziano della Giudecca. Il gip di Brescia ha infatti sciolto la riserva in merito alla richiesta di revoca della misura cautelare nei confronti della casalinga 57enne di Volpago del Montello rigettando l'istanza presentata dall'avvocato Luca Azzano Cantarutti. Le motivazioni non sono ancora arrivate in mano al legale (che ha ricevuto soltanto una semplice comunicazione), ma l'avvocato Cantarutti ha già annunciato che presenterà ricorso al Tribunale del Riesame per chiedere nuovamente che la sua assistita torni in libertà. Secondo gli investigatori Maria Marini sarebbe stata “reclutata” da Patrizia Badii (leader del movimento dei Forconi) e avrebbe messo a disposizione dei vertici di “Alleanza” la cucina di casa come base logistica per il reclutamento dei militanti e il reperimento dei fondi necessari alla causa venetista. Si dovrà attendere invece venerdì prima di sapere se la stessa sorte toccherà a Franco Rocchetta. I legali dell'ex deputato, gli avvocati Sergio Dal Prà e Fabio Pinelli, hanno depositato martedì mattina la richiesta di revoca della misura di custodia cautelare in carcere e il gip ha cinque giorni di tempo per esprimersi. Con ogni probabilità la riserva non verrà sciolta prima di venerdì. 

Resta in invece in isolamento, ma potrà ricevere in visita i familiari, il padovano Luigi Faccia, rinchiuso in carcere a Vicenza e ritenuto il leader del gruppo venetista. Lo ha riferito il suo legale di fiducia, Andrea Arman. È stata respinta inoltre dal gip, informa lo stesso legale, l'istanza di scarcerazione per un'altra indagata, Elisabetta Adami, che dovrà così rivolgersi ora al Tribunale del Riesame. È stato invece scarcerato un altro dei 24 arrestati, Renato Zoppi, difeso da Luca Pavanetto, per il quale il Gip - riferisce il legale - ha accolto la richiesta di remissione in libertà dopo che in sede di convalida l'uomo aveva spiegato la propria appartenenza a gruppi venetisti ma si era anche detto estraneo ad ogni eventuale iniziativa eversiva. Una linea che, nelle prossime ore, riguarderà anche il ruolo di Corrado Turco e dell'ex leader veneto dei forconi, poi portavoce del coordinamento '9 dicembré, Lucio Chiavegato.