Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la pi¨ importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Varato il piano industriale fino al 2016, azioni svalutate a 39,5 euro

VENETO BANCA, IL CDA RIMANE IN SELLA

Smentite le indiscrezioni di dimissioni dopo le indicazioni di Bankitalia


MONTEBELLUNA - Niente dimissioni in blocco: il cda di Veneto Banca, almeno per il momento, rimanere al proprio posto e continua ad operare appieno. Secondo le indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi, il consiglio di amministrazione del gruppo bancario trevigiano starebbe valutando la possibilità di rimettere l'incarico. Un modo per ottempere al sollecito di "forte discontinuità" negli organismi dirigenti espresso da Banca d'Italia, all'indomani dell'ispezione alla Popolare montebellunese. Nella riunione del cda, però, per ora non sono state prese decisioni in questo senso. Ulteriori voci parlano di una possibile lista capitanata dall'attuale vicepresidente, Franco Antiga, che potrebbe essere sottoposta all'assemblea annuale dei soci, in programma il prossimo 26 aprile. Ma per il momento non c'è alcuna conferma ufficiale.

Il cda ha invece varato il piano industriale 2014-2016: la previsione è di raggiungere un margine di intermediazione a un miliardo e 146,3 milioni di euro al 2016 a fine piano, costi operativi a 584 milioni, costo del credito a 0,83% e utile di gruppo a 221,9 milioni di euro.

Tre le linee strategiche su cui si andrà ad agire: miglioramento della performance della rete attraverso lo sviluppo della multicanalità integrata, la focalizzazione sul core business, la razionalizzazione ed il riassetto delle filiali sottoperformanti. Il piano prevede inoltre l’uscita dal perimetro del Gruppo Veneto Banca della controllata Banca Intermobiliare, nonché la realizzazione nel corso del 2014 delle misure di rafforzamento patrimoniale annunciate dal CdA nel corso dello scorso mese di marzo (conversione anticipata in azioni del prestito obbligazionario convertibile e successivo ulteriore aumento di capitale). A questo riguardo Montebelluna ha anche deciso di svalutare le sue azioni dai 40,75 euro ai 39,5 euro da proporre all’assemblea dei soci.