Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Varato il piano industriale fino al 2016, azioni svalutate a 39,5 euro

VENETO BANCA, IL CDA RIMANE IN SELLA

Smentite le indiscrezioni di dimissioni dopo le indicazioni di Bankitalia


MONTEBELLUNA - Niente dimissioni in blocco: il cda di Veneto Banca, almeno per il momento, rimanere al proprio posto e continua ad operare appieno. Secondo le indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi, il consiglio di amministrazione del gruppo bancario trevigiano starebbe valutando la possibilità di rimettere l'incarico. Un modo per ottempere al sollecito di "forte discontinuità" negli organismi dirigenti espresso da Banca d'Italia, all'indomani dell'ispezione alla Popolare montebellunese. Nella riunione del cda, però, per ora non sono state prese decisioni in questo senso. Ulteriori voci parlano di una possibile lista capitanata dall'attuale vicepresidente, Franco Antiga, che potrebbe essere sottoposta all'assemblea annuale dei soci, in programma il prossimo 26 aprile. Ma per il momento non c'è alcuna conferma ufficiale.

Il cda ha invece varato il piano industriale 2014-2016: la previsione è di raggiungere un margine di intermediazione a un miliardo e 146,3 milioni di euro al 2016 a fine piano, costi operativi a 584 milioni, costo del credito a 0,83% e utile di gruppo a 221,9 milioni di euro.

Tre le linee strategiche su cui si andrà ad agire: miglioramento della performance della rete attraverso lo sviluppo della multicanalità integrata, la focalizzazione sul core business, la razionalizzazione ed il riassetto delle filiali sottoperformanti. Il piano prevede inoltre l’uscita dal perimetro del Gruppo Veneto Banca della controllata Banca Intermobiliare, nonché la realizzazione nel corso del 2014 delle misure di rafforzamento patrimoniale annunciate dal CdA nel corso dello scorso mese di marzo (conversione anticipata in azioni del prestito obbligazionario convertibile e successivo ulteriore aumento di capitale). A questo riguardo Montebelluna ha anche deciso di svalutare le sue azioni dai 40,75 euro ai 39,5 euro da proporre all’assemblea dei soci.