Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Primi segnali di apertura da parte del ministero della cultura brasiliano

IL "TALIAN" VERSO IL RICONOSCIMENTO COME LINGUA DI RIFERIMENTO CULTURALE

La richiesta di miloni di veneti che vivono nel Rio Grande Do Sul


TREVISO - Presentata al governo del Brasile, dalla comunità veneta presente nella regione del Rio Grande Do Sul, una richiesta affinchè la lingua veneta, il “Talian”, venga riconosciuta come patrimonio e prima lingua di riferimento culturale del Brasile. Dal ministero della cultura brasiliano arrivano le prime avvisaglie che questo importante riconoscimento posso essere ad un passo. La comunità veneta, presente nella regione fin dalla fine del 1800, conta alcune milioni di ha fatto sopravvivere il “talian” nonostante l'imposizione del portoghese. Gli stessi veneti che vivono della regione, ancora oggi, hanno difficoltà enormi ad ottenere quanto a loro dovuto, ovvero il doppio passaporto italiano-brasiliano.