Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'esponente del governo: "Pronti a fare scelte e assumercene la responsabiltà"

LA MARCA CHIEDE A POLETTI MENO RENDITA E PIU' LAVORO

Il ministro incontra categorie e sindaci alla Tessitura Monti


MASERADA - Semplificare il sistema burocratico e amministrativo, redistribuire il reddito come via d'uscita della crisi, rilanciare gli investimenti delle imprese e della pubblica amministrazione, anche stimolando i finanziamenti bancari. Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha illustrato la sua ricetta ai rappresentanti degli imprenditori, dei sindacati ed a diversi sindaci della Marca. La riunione organizzata da Floriana Casellato, parlamentare del Pd e primo cittadino di Maserada, si è tenuta in una delle aziende simbolo dell'economia trevigiana, la Tessitura Monti. L'esponente del governo Renzi ha ribadito soprattutto la volontà di attuare provvedimenti concreti, anche compiendo scelte su dove indirizzare le (poche) risorse disponibili. A partire ad esempio dalla cassa integrazione in deroga: inutile cercare di finanziare tutti, i fondi vanno orientati alle regione in cui vi è una reale esigenza.

Concretezza e volontà di decidere molto apprezzata dai rappresentanti delle categorie. Che a loro hanno sollecitato misure concrete. Alessandro Vardanega, presidente di Unindustria, ha esortato a valorizzare la contrattazione aziendale e territoriale. Ad esempio, per definire la possibilità di deroghe al limite del 20% di dipendenti a tempo determinato sul totale degli addetti. Dai sindacati è arrivata la richiesta di sfoltire la pletora di contratti oggi esistenti e, in particolare il segretario provinciale della Cgil, Giacomo Vendrame, ha insistito sull'esigenza di puntare maggiormente sui contratti di solidarietà per stabilizzare i precari. E Franco Lorenzon, leader della Cisl di Treviso Belluno, ha ribadito come sia necessario favorire la produzione di reddito a scapito della rendita: “Nel nostro territorio – ha affermato - ci sono moltissime persone sotto sforzo e non possono più accettare che altre zone o altri soggetti vivano di rendita”. In molti hanno evidenziato come la vera emergenza, ancor più dei giovani disoccupati, siano i licenziati ultracinquantenni. Ecco allora la soluzione suggerita dal sindaco di Arcade, Domenico Presti: utilizzare gli espulsi ai quali mancano pochi anni alla pensione per eseguire piccoli lavori socialmente utili a favore dei comuni.


Galleria fotograficaGalleria fotografica