Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rinviato a giudizio un 62enne di Montebelluna anche per truffa ai danni dello Stato

IMPRENDITORE D'AUTO DI LUSSO A PROCESSO PER UNA MAXI EVASIONE

Contestati mancati versamenti Irpef per 2 milioni e Iva per 4,5 milioni


MONTEBELLUNA – (gp) Dopo la maxi frode fiscale da 3 milioni di euro per la quale era finito a processo (il procedimento penale è però ripartito da zero e il pm Gabriella Cama ha appena chiuso le indagini), un imprenditore di Montebelluna di 62 anni originario di Trebaseleghe è stato rinviato a giudizio per un altro procedimento avviato dal pm Giovanni Valmassoi per le accuse di truffa e di frode fiscale con mancato versamento di quasi due milioni di Irpef e di 4,5 milioni di Iva. Il suo legale, l’avvocato Andrea Zambon, aveva chiesto il non luogo a procedere nell'udienza preliminare di fronte al gup Gioacchino Termini ma il giudice ha stabilito che la questione meriti di essere approfondita a dibattimento. Secondo l'accusa l'uomo avrebbe evaso 624mila euro di Irpef e 2 milioni e mezzo di Iva nel 2008, 114mila euro di Irpef e quasi 1,3 milioni di Iva nel 2009 e, nel 2010, un altro milione di Irpef e quasi due milioni di Iva. In più secondo la Procura di Treviso, tra il 2008 e il 2011, avrebbe indicato nelle comunicazioni obbligatorie di importazione di autovetture valori inferiori rispetto a quelli indicati dall’operatorio comunitario così da trarre in errore l’Agenzia delle Entrate. Sempre per l’accusa, avrebbe fittiziamente indicato d’aver acquistato veicoli nel 2007, quando erano stati invece acquistati nel 2008, così da versare solo un euro per la loro immatricolazione, ma anche di aver importato le auto quale persona fisica e non come impresa per godere di un regime Iva agevolato. Il processo inizierà a novembre.