Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Rinviato a giudizio un 62enne di Montebelluna anche per truffa ai danni dello Stato

IMPRENDITORE D'AUTO DI LUSSO A PROCESSO PER UNA MAXI EVASIONE

Contestati mancati versamenti Irpef per 2 milioni e Iva per 4,5 milioni


MONTEBELLUNA – (gp) Dopo la maxi frode fiscale da 3 milioni di euro per la quale era finito a processo (il procedimento penale è però ripartito da zero e il pm Gabriella Cama ha appena chiuso le indagini), un imprenditore di Montebelluna di 62 anni originario di Trebaseleghe è stato rinviato a giudizio per un altro procedimento avviato dal pm Giovanni Valmassoi per le accuse di truffa e di frode fiscale con mancato versamento di quasi due milioni di Irpef e di 4,5 milioni di Iva. Il suo legale, l’avvocato Andrea Zambon, aveva chiesto il non luogo a procedere nell'udienza preliminare di fronte al gup Gioacchino Termini ma il giudice ha stabilito che la questione meriti di essere approfondita a dibattimento. Secondo l'accusa l'uomo avrebbe evaso 624mila euro di Irpef e 2 milioni e mezzo di Iva nel 2008, 114mila euro di Irpef e quasi 1,3 milioni di Iva nel 2009 e, nel 2010, un altro milione di Irpef e quasi due milioni di Iva. In più secondo la Procura di Treviso, tra il 2008 e il 2011, avrebbe indicato nelle comunicazioni obbligatorie di importazione di autovetture valori inferiori rispetto a quelli indicati dall’operatorio comunitario così da trarre in errore l’Agenzia delle Entrate. Sempre per l’accusa, avrebbe fittiziamente indicato d’aver acquistato veicoli nel 2007, quando erano stati invece acquistati nel 2008, così da versare solo un euro per la loro immatricolazione, ma anche di aver importato le auto quale persona fisica e non come impresa per godere di un regime Iva agevolato. Il processo inizierà a novembre.