Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La Corte Costituzionale ha stabilito che il procedimento penale va celebrato

MEDICI ACCUSATI DELLA MORTE DI UN BIMBO: NUOVA SUPER PERIZIA

In quattro alla sbarra: il decesso all'ospedale di Oderzo nel 2007


ODERZO – (gp) Sarà una perizia medico legale disposta dal giudice Marco Biagetti, e affidata al dottor Gianni Barbuti, a stabilire le cause che hanno portato al decesso di un neonato all'ospedale di Oderzo e, di conseguenza, le eventuali responsabilità dell'equipe medica che è finita sotto processo per rispondere del reato di aborto colposo. Alla sbarra ci sono Gianandrea Bressan, Donato Di Nunno, Angela Perin e Simona Qualizza, difesi dagli avvocati Piero Pignata, Federico Vianelli e Massimo Sonego. I legali, nel corso della prima udienza nel marzo 2012, avevano sollevato una questione di legittimità legata al regime di procedibilità per disparità di trattamento nel caso dell'aborto colposo, e il giudice in quel caso inviò il dispositivo alla Corte Costituzionale affinché si pronunciasse per stabilire se la legge vigente sia o meno corretta. In parole povere per il reato di lesioni gravi o gravissime colpose si procede a querela, tranne nei casi di lesioni determinate da infortuni sul lavoro, malattie professionali o incidenti stradali in determinati casi (ad esempio in presenza di aggravanti come la guida in stato d'ebbrezza o sotto l'effetto di stupefacenti). Una legge modificata nel 1981 che però pare essersi dimenticata del caso specifico di colpa medica: in pratica più di 30 anni fa le lesioni gravissime era passate da procedibili d'ufficio a procedibili a querela, salvo i casi citati. La successiva legge sull'aborto volontario sembrava aver inglobato anche il caso di aborto colposo. Ma così non è, almeno secondo le difese. La Corte Costituzionale ha però rigettato la questione di legittimità dicendo che il processo va celebrato. I fatti risalgono al 2 marzo 2007. Secondo l’accusa il bambino, terzogenito di una coppia algerina, sarebbe nato vivo se i medici avessero eseguito tempestivamente un parto cesareo. La donna, per perdite di sangue, si era recata in ospedale ma era stata dimessa poco dopo con la conferma che la gravidanza non era a rischio. Meno di 24 ore dopo però ritornò in ospedale con fitte lancinanti al ventre. Il responso fu terribile: il feto era già morto. Si parlò di “probabile sofferenza fetale” e che con un parto cesareo tempestivo il bambino sarebbe nato vivo “con probabilità prossima alla certezza”. Per i medici scattò quindi d'ufficio l'accusa di “concorso e cooperazione per aver cagionato colposamente l’interruzione di gravidanza e la morte intrauterina del feto”.