Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

I cittadini potranno indicari quali cure ricevere in caso di inscoscienza

PRESTO ANCHE A TREVISO SI POTRA' FARE BIOTESTAMENTO

La maggioranza presenta una delibera per l'istituzione del registro


TREVISO - I trevigiani presto potrebbero lasciar scritto se, in caso di necessità, desiderino essere rianimati, ricevere particolari terapie salvavita, nutrizione o somministrazione di farmaci. Potrebbero, cioè, avere la possibilità di depositare il proprio testamento biologico. I capigruppo di maggioranza hanno depositato una delibera per chiedere l'istituzione del registro comunale delle “dichiarazioni anticipate di trattamento”. Le modalità concrete devono ancora essere definite nei dettagli, ma in sostanza, se il provvedimento verrà approvato, i cittadini potranno recarsi in Comune e, davanti ad un funzionario e forse ad un notaio, indicare in un documento scritto la volontà di essere sottoposti o meno a determinati trattamenti medici, qualora, in quel momento, non siano più capaci di intendere e volere.

Ad avviare l'operazione sono stati i rappresentanti di Veneto Radicale, che sul tema hanno raccolto 400 firme in vista di una delibera di iniziativa popolare. Segno di una sensibilità riguardo a questi argomenti in netto aumento.

La proposta è stata recepita dai responsabili di tutti i gruppi consiliari di maggioranza: verrà ora sottoposta al parere dei dirigenti e, se favorevole, verrà portata in commissione e poi in consiglio comunale. Resta il problema di un possibile conflitto con la legislazione nazionale, che non prevede il testamento biologico. Per i Radicali, tuttavia, l'adozione da parte del Comune potrebbe preludere ad accordi specifici con l'Ulss, tanto più che l'attenzione dei medici locali sulle problematiche del “fine vita” è già molto avanzata.