Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica dedicata al mondo golfistico curata da Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/52: OSTACOLI D'ACQUA

Ruscelli, stagni, laghi o braccio di mare che creano maggiori difficoltà


TREVISO - Nuovo appuntamento con le pillole di golf assieme a Paolo Pilla. Oggi parleremo degli "ostacoli d'acqua"

 

Gli Ostacoli d’acqua, pur creando maggiori difficoltà per il giocatore, aumentano il fascino di un Campo da Golf. Sono rappresentati da qualunque braccio di mare, lago, stagno, fiume, ruscello o fosso, anche se talvolta al loro interno possa non scorrervi l’acqua. Le “regole” li dividono in due categorie: oltre al normale Ostacolo d’acqua segnalato da paletti gialli, è previsto l’Ostacolo d’acqua laterale, che si distingue perché individuato da paletti rossi. Quest’ultimo rispecchia particolari condizioni, e ne rimandiamo l’esame alla prossima pillola. Il giocatore che manda la palla dentro i limiti di un qualsiasi ostacolo d’acqua, potrebbe riuscire a giocarsela dal suo interno, perché o non è momentaneamente presente l’acqua, o è tanto bassa, o perché la palla si è fermata sulla sponda senza essere andata a “a bagno”. Il gioco potrebbe talvolta essere abbastanza agevole, anche per la possibilità di poter momentaneamente togliere i paletti che dovessero essere d’intralcio. Tuttavia, il gioco dall’ostacolo si trova irreggimentato in ulteriori prescrizioni, come quella di non toccare il terreno o l'acqua, prima di effettuare il colpo. Il gioco si presenterà più difficile, ma avrà evitato il colpo di penalità. Il più delle volte, però, la palla finita in acqua non si vede più, o non si riesce a pescarla, e allora, oltre al disagio per il fatto di doversi accollare la penalità, il giocatore soffrirà anche per la perdita della pallina. Il gioco deve continuare, e ora prendiamo in esame il comportamento del giocatore la cui palla sia persa in un ostacolo d’acqua, paletti gialli. Due sono le possibilità: Si potrà ripetere il colpo dal punto in cui era stato fatto in precedenza, oppure si potrà droppare una palla dietro all’ostacolo, posizionandosi indietro quanto vuole, ma lungo una linea che virtualmente congiunge la bandiera, passando per il punto esatto dove per ultimo la palla ha fatto il suo ingresso in ostacolo. Nell’ottemperare a questa disposizione qualcuno la infrange la regola, perché si crea un po’ di confusione nella ricerca di quel punto. Basta pensare a come questo cambia, a seconda che la palla sia entrata dalla prima o dalla successiva sponda. Poi qualcuno non ricorda che il droppaggio va fatto dietro all’ostacolo, e il giocatore la cui palla è entrata in acqua dalla sponda più avanzata del ruscello, pensa di poter usare quel versante per il drop. Oppure si ricorda che deve andare indietro, ma confonde il punto da tenere di riferimento per individuare la linea dove disporsi. Altra particolarità, per la palla che finisce in acqua e sta ruscellando: non si possono frapporre indugi. Dice la regola: “…….. ma non deve ritardare l’esecuzione del suo colpo per permettere che il vento o la corrente migliorino la posizione della palla” (2 colpi di penalità o la perdita della buca). Ecco, questi bellissimi ruscelli, se ci finisci dentro, diventano una tortura. Poetico quel ruscello che scende dal Cervino e ti accompagna allegramente nel percorso, ma che avido di palline!

Paolo Pilla

“Fortuna è il nome che diamo al successo altrui “ Roberto Gervaso


Galleria fotograficaGalleria fotografica

 

Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
03/04/2014 - Pillole di golf/51: il bunker
26/03/2014 - Pillole di golf/50: il rough
12/03/2014 - Pillole di golf/49: il Fairway
11/03/2014 - Pillole di golf/48: il percorso
26/02/2014 - Pillole di golf/47: l'area di partenza
18/02/2014 - Pillole di Golf/46: l'address
12/02/2014 - Pillole di golf/45: Il CBA
05/02/2014 - Pillole di golf/44: il par
29/01/2014 - Pillole di golf/43: EGA Handicap System
22/01/2014 - Pillole di golf/42: l'Handicap
15/01/2014 - Pillole di golf/41: la Stableford
08/01/2014 - Pillole di golf/40: lo stroke play
18/12/2013 - Pillole di golf/39: il match-play
11/12/2013 - Pillole di golf/38: il Putter
04/12/2013 - Pillole di golf/37: gli ibridi