Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le accuse: concorso in truffa aggravata, molestie e abuso della credulità popolare

CHIEDERE L'ELEMOSINA NON È REATO: MENDICANTI SCAGIONATI

Distribuivano volantini per curare un "finto" nipotino malato di leucemia


NERVESA DELLA BATTAGLIA – (gp) Chiedere l'elemosina, anche mentendo sul motivo per cui si chiedono soldi ai passanti, non è reato. Almeno questo quanto stabilito dal gup angelo Mascolo che ha disposto il non luogo a procedere nei confronti di una coppia di romeni, 35 anni lui e 30 lei, finiti in tribunale per rispondere dei reati di truffa aggravata in concorso, abuso della credulità popolare e molestie. I due, difesi d'ufficio dall'avvocato Rosa Parenti, secondo quanto contestato dalla Procura di Treviso si appostavano a un incrocio temporaneo lungo la Schiavonesca, nei pressi dei vivai "Floridea" a Nervesa della Battaglia, e distribuivano agli automobilisti di passaggio un volantino con cui chiedevano un'offerta per poter curare Alexander, un fantomatico nipote di appena due anni malato di leucemia. Dopo alcune segnalazioni partite dagli automobilisti infastiditi dalla presenza giornaliera di quella coppia all'incrocio, i carabinieri li avevano denunciati nel settembre dello scorso anno. Al momento del controllo vennero anche sequestrati agli stranieri 390 volantini e circa 30 euro che avevano già racimolato nel giro di qualche ora. Le successive indagini portarono a scoprire che i due romeni, residenti ufficialmente in provincia di Bergamo, si spostavano nella Marca a bordo di un'Audi A6 grigia, vettura che era già stata segnalata alle forze dell'ordine da alcuni automobilisti.