Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I dati della Provicia: causa più frequente lo sbandamento, coinvolti anche 9 ciclisti

NEL 2013 STRADE DELLA MARCA UN PO' MENO INSANGUINATE

Diminuiscono i mortali: 52 vittime, 65% in meno del 2000


TREVISO - Le strade di Marca sono un po' meno insanguinate: nel 2013, nel Trevigiano, si sono verificati 51 incidenti stradali mortali, con 52 vittime. Con un calo del 15% rispetto all'anno precedente, quando i sinistri letali erano stati 60 ed erano rimaste sull'asfalto 68 persone (per questa seconda voce la diminuzione è del 23%). Ancora più netta la flessione se il confronto si allarga al 2000: gli incidenti ammontavano a 141 con 151 decessi, in entrambi i casi circa il 65% in più di oggi.

Stabili invece le collisioni con conseguenze meno gravi: 2.393, l'anno scorso, con 3.513 persone rimaste ferite.

Nella Marca si sono registrati 2,12 morti ogni cento incidenti, a fronte di una media nazionale pari a due decessi. In questo senso, le più pericolose sono le strade regionali (5,16 vittime ogni cento chilometri) e le statali (4,92). Sulle autostrade sono accaduti 2 mortali (1,28 ogni cento chilometri) e 67 sinistri con lesioni.

La causa più frequente degli incidenti letali sono l'uscita di strada o lo sbandamento (17 casi) e lo scontro tra un'auto che colpisce la fiancata di un'altra (15 mortali, più 951 feriti). Ovviamente, i veicoli più coinvolti sono le auto private, seguite dalle biciclette, benchè in diminuzione: dopo il boom di 15 ciclisti investiti senza scampo nel 2012, con i 9 dell'anno scorso si è tornati ai livelli del 2011.

Le giornate a più alto rischio? Domenica, sabato e martedì per gli impatti letali, lunedì e venerdì per quelli con effetti meno gravi. Ma a sorpresa, gli orari in cui si verificano più incidenti non sono in piena notte, bensì poco prima di mezzogiorno, tra le 15 e le 16, dalle 17 alle 19.

A raccogliere ed elaborare i dati, come ogni anno, in collaborazione con le forze dell'ordine, è la Provincia: "Tenere sotto controllo le statistiche ci aiuta a capire meglio come affrontare i problemi e come intervenire - spiega Leonardo Muraro, presidente dell'amministrazione provinciale trevigiana – . Infatti, dai dati emerge che gli incidenti più gravi non sono avvenuti mai due volte nello stesso punto. Questo testimonia che laddove siamo intervenuti, siamo riusciti a risolvere le problematicità”. Il presidente assicura che nonostante le ristrettezze di bilancio, l'impegno sulla sicurezza stradale non verrà meno.