Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accusato di bancarotta fraudolenta un 57enne napoletano di Castelfranco Veneto

AZIENDA SVUOTATA PRIMA DEL FALLIMENTO: PATTEGGIA DUE ANNI

Secondo l'accusa sarebbe riuscito a distrarre beni per 3 milioni di euro


CASTELFRANCO VENETO – (gp) Due anni di reclusione con sospensione condizionale della pena. Questa l'entità del patteggiamento ottenuto dal titolare di una ditta di Castelfranco Veneto, dichiarata fallita il 4 marzo 2008, per il reato di bancarotta. L'uomo, un 57enne di Napoli difeso in aula dall'avvocato Fabio Crea, era accusato di aver distratto beni dalla società per un valore complessivo di oltre 3 milioni di euro. Nello specifico, in qualità di amministratore unico della società che si occupava di distribuzione all'ingrosso di materiale elettronico, l'imputato avrebbe distratto dal fallimento della ditta 18 mila dvd per un valore di 150.696 euro e altri 11.254 dvd per un importo di 56.270 euro. Ma le contestazioni della Procura di Treviso, nel corso della indagini, avevano contestato all'uomo altre distrazioni. Stando a quanto riportato nel capo d'imputazione, avrebbe inoltre distratto dal fallimento 60 mila Carte Cinema acquistate per complessivi 240 mila euro, un credito vantato dalla società fallita nei confronti di un'altra società (credito di 1.753.151,97 euro) mediante l'acquisto, per un prezzo indicato di 550.200 euro, dalla stessa Trade Impex di altre 60 mila Carte Cinema relative ad accesso a un sito internet di riferimento non più esistente. In un secondo momento avrebbe distratto altre 29.200 Crarte Cinema per un valore di 146 mila euro e un credito vantato dalla I Dogi spa (1.123.674,28 euro) effettuando un acquisto di 9 mila Moke per Microonde per 1 milione 125 mila euro quando il loro valore stimato sarebbe stato di 180 mila euro (distraendo dal fallimento dunque i restanti 945 mila euro). Infine avrebbe distratto merce varia per 933 mila euro e altri 191 mila relativi alla differenza tra il valore contabile di 28.466 dvd e il valore stimato dal curatore fallimentare che era di 142.330 euro.