Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il confronto sull'esperienza del dormitorio e sull'attuale emergenza profughi

DORMITORIO COMUNALE, IL SINDACO INCONTRA I RESIDENTI

Dal 5 dicembre al 4 aprile 2014, 63 le persone accolte


TREVISO - Quattro mesi di attività dal 5 dicembre al 4 aprile 2014, 120 notti di ospitalità, 63 persone accolte con una media di 27 pernottamenti a persona. Il picco di presenze a febbraio, quando le temperature si fanno più rigide. Sono questi alcuni numeri della prima esperienza dell'ostello notturno di via Pasubio a Santa Maria del Sile voluta dall'amministrazione comunale per far fronte all'emergenza freddo.

Ieri sera nel capannone del pro loco di Sant'Angelo l'amministrazione ha incontrato cittadini e residenti per un confronto aperto su due temi: l'esperienza del dormitorio e l'emergenza profughi.

"Quando un senza fissa dimora muore è una sconfitta per tutti - ha dichiarato il sindaco di Treviso Giovanni Manildo - Un ringraziamento va al quartiere, agli operatori della Cooperativa Servire, a tutti i volontari, all'assessore Manfio, alla parrocchia, agli scout.” Dopo il racconto degli operatori e dei volontari che hanno prestato servizio al dormitorio, la discussione si è spostata sul tema dell'accoglienza ai profughi ospiti della struttura di via Pasubio fino al 2 maggio. Ad alternarsi interventi del tutto favorevoli all'accoglienza e altri invece contrari alla presenza dei profughi nella struttura. Tra le preoccupazioni principali il possibile contagio di malattie, la privazione degli spazi a causa delle presenza di persone sconosciute e pericolose, il costo delle struttura destinata all'ospitalità.

"Anche noi ci siamo lamentati del fatto che il Ministero abbia comunicato dall'oggi al domani l'arrivo di queste persone. ha detto l'assessore alle politiche sociali Liana Manfio - Tengo comunque a precisare che non vi è alcuna spesa a carico del comune se non quelle per acqua e corrente elettrica. Le cifra giornaliera di 30 euro stanziata dal Ministero è tratta dai fondi europei che non vengono dati alle persone ma alle cooperative. Il comune – conclude l'assessore Manfio - non sta distogliendo un solo euro alle persone in difficoltà di Treviso.