Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO Quasi seimila persone all'assise dei soci della Popolare di Montebelluna

"BANKITALIA DISTORCE REALTÀ PER FAVORIRE L'AGGREGAZIONE"

Il presidente Trinca all'attacco all'assemblea di Veneto Banca


MONTEBELLUNA - Quasi seimila soci presenti all'assemblea annuale di Veneto Banca, a cui si aggiungono altri duemila azionisti rappresentati per delega. Al centro dei lavori, come noto, il rinnovo completo del consiglio di amministrazione. Un ricambio deciso per rispondere alle richieste di Banca d'Italia. Flavio Trinca, presidente del cda uscente, nella sua relazione, però, non ha risparmiato commenti critici si rilievi sollevati dagli ispettori di via Nazionale: ha parlato di un "rapporto che ha voluto interpretare la realtà in modo distorto e strumentale per favorire l'aggregazione con altri istituti". Trinca ha difeso l'operato dei vertici della banca: "In 17 anni ci sono state certamente scelte non felici, ma occorre guardare ai risultati complessivi: da piccolo Popolare siamo diventati il dodicesimo gruppo bancario italiano, con tutte le carte in regola per entrare tra le 128 banche europee". Il presidente ha ribadito come si sia sempre "operato con trasparenza ed onestà" ed ha replicato punto per punto ai rilievi mossi dal Bankitalia, in particolare all'accusa di finanziamenti in conflitto di interesse a consiglieri o loro parenti. "Ci hanno detto di non saper fare credito: ma allora dov'era Bankitalia negli anni scorsi, quando tutto andava bene?", ha domandato. E in merito all'ipotesi di fusione con Popolare di Vicenza ha insistito: "Un'aggregazione alle condizioni che ci hanno proposto, significa accettare una perdita grave per il territorio e un depauperamento degli investimenti dei soci". "Ci hanno detto: la banca diventa nostra - ha ripetuto, rivolgendosi alla platea -. Alzi la mano chi vuole una fusione di questo tipo".

E la necessità di autonomia è stata ribadita anche negli interventi di molti soci. Lo stesso presidente della Regione, Luca Zaia, ha parlato di "un attacco neo centralistico che va oltre Veneto Banca, ma che vuole cancellare tutte le banche locali, le popolari, le banche di credito cooperativo".