Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nel mirino dei carabinieri una coppia di 39enni moglianesi e un 36enne trevigiano

UN LITRO DI METADONE RUBATO AL SERT DI MOGLIANO: TRE DENUNCE

Il furto messo a segno il 2 aprile: recuperata la sostanza stupefacente


MOGLIANO VENETO – (gp) Il 2 aprile scorso, dagli uffici del Sert di Mogliano Veneto, in seguito a un furto era sparito un litro di metadone. Ora, a distanza di meno di un mese, i carabinieri di Treviso e di Mogliano Veneto hanno ritrovato i cinque flaconi, recuperato quasi interamente la sostanza e denunciato a piede libero tre persone per detenzione di stupefacenti e ricettazione. Si tratta di una coppia di 39enni residente a Mogliano Veneto (lui di origini bellunesi e lei veneziana) e un 36enne trevigiano residente a Mestre. Dopo il furto, messo a segno facendo irruzione nella struttura sanitaria e prendendo le chiavi della cassaforte in cui era custodito il metadone, l'attenzione dei militari si era concentrata sugli ambienti della tossicodipendenza moglianese e trevigiana. I tre denunciati, tenuti da tempo sott'occhio, hanno ricevuto la visita a domicilio dei carabinieri i quali, al termine della perquisizione, hanno recuperato 953 millilitri di metadone dei 1000 trafugati al Sert.