Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'avvocato era accusato di non aver restituito 18 mila euro a un cliente: 4 mesi

LEGALE TREVIGIANO CONDANNATO PER APPROPRIAZIONE INDEBITA

Denaro versato dalla vittima a titolo di deposito fiduciario


TREVISO – (gp) Un avvocato trevigiano, finito sotto accusa per appropriazione indebita, è stato riconosciuto colpevole dal giudice Leonardo Bianco e condannato a 4 mesi di reclusione, pena sospesa, e al pagamento di 20 mila euro più interessi alla parte civile oltre alle spese di costituzione. A trascinare il professionista in tribunale un 50enne di Preganziol il quale, in aula, aveva ricostruito la vicenda incriminata rispondendo alle domande del pubblico ministero e dell'avvocato Matteo Giacomazzi (difensore dell'imputato). Stando alle accuse l'avvocato, nel rappresentare la parte offesa in una causa di separazione, avrebbe ricevuto dal 50enne di Preganziol 18 mila euro a titolo di deposito fiduciario. Denaro che il professionista non avrebbe più restituito, nonostante una specifica richiesta formulata dal suo cliente, sostenendo che rientrasse nelle competenze professionali rese per la causa di separazione per le quali avrebbe presentato una parcella di 31 mila euro. A quel punto il 50enne di Preganziol decise di sporgere denuncia contro il suo ex legale, mandandolo a processo e costituendosi parte civile con l'avvocato Piergiorgio Oss non solo per chiedere la restituzione della somma ma anche per ottenere un risarcimento danni per la presunta condotta illecita del professionista. Risarcimento che a conti fatti non c'è stato, o almeno non nei termini richiesti dalla vittima che aveva avanzato una proposta risarcitoria di 40 mila euro oltre ai 18 mila del deposito fiduciario.