Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'assessore Grigoletto: "Ora via alla banca dati unica con gli altri capoluoghi"

MENDICANTI IN FUGA DA TREVISO DOPO LA LINEA DURA DEL COMUNE

Secondo la Polizia locale, ad aprile non più di tre soggetti presenti


TREVISO - Sanzioni ai mendicanti in calo nelle ultime settimane. Secondo il Comune, è il primo effetto dei “fogli di via” alla accattoni molesti, introdotti di recente a Treviso: la nuova misura di contrasto al fenomeno del racket, commentano da Ca' Sugana, ha determinato una diminuzione della presenza di soggetti sul territorio comunale e di conseguenza anche un calo di sanzioni amministrative. Nei giorni di mercato, dove il fenomeno dell'accattonaggio nel passato era più accentuato, con picchi di otto o nove presenze, si riscontra la presenza di due o al massimo tre persone. Alcuni accattoni di nazionalità rumena, un tempo presenze fisse in città vengono segnalati molto raramente. E’ questa la fotografia scattata dalla polizia locale di Treviso sul fenomeno dell’accattonaggio. Un’immagine che appare cambiata dopo il giro di vite voluto dalla giunta Manildo e dall’assessore alla sicurezza del Comune di Treviso Roberto Grigoletto: “Siamo sicuramente soddisfatti di questo primo risultato – nota l’assessore comunale alla Sicurezza, Roberto Grigoletto – Il nostro impegno per contrastare il racket dell’accattonaggio, con la collaborazione degli altri comuni capoluogo e dei comuni contermini, continua”. L’obiettivo – prosegue l'assessore - è di sensibilizzare il governo nazionale a farsi portavoce a livello europeo di un’esigenza che non è solo italiana e veneta e per sollecitare un tempestivo intervento a livello legislativo”.

La migrazione di questi soggetti da Treviso deve però essere controllata, spiegano dal municipio. Il fenomeno dell’accattonaggio, come ribadito più volte dallo sindaco Manildo e dall’assessore deve essere gestito su scala metropolitana: “La creazione del database elettronico per il monitoraggio del fenomeno del racket,condiviso con gli altri comuni capoluogo del Veneto, fornirà se attivato, sicuramente una risposta”, sottolinea Grigoletto. Nell'ultima riunione, i rappresentanti delle amministrazioni interessate hanno concordato di inviare alla sezione Coordinamento e Pianificazione del ministero dell'Interno, a Roma, la richiesta di autorizzazione per la condivisione dei dati.