Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I 18 imputati risarciscono 2.500 euro per ottenere la remissione di querela

RAVE PARTY SUL GRETO DEL PIAVE: UN ACCORDO CHIUDE IL PROCESSO

Ognuno pagherà 154 euro per oblare il disturbo della quiete pubblica


PONTE DI PIAVE – (gp) Un risarcimento di 2.500 euro per ottenere il non luogo a procedere per remissione di querela per l'accusa di invasione di terreni e un'oblazione di 154,50 euro a testa per l'accusa di disturbo della quiete pubblica. Si è concluso così (anche se l'ufficialità arriverà soltanto a dicembre per un disguido formale delle difese) il processo a carico di 18 ragazzi, tutti giovanissimi, approdato in aula in seguito a un rave party organizzato alle grave del Piave. Una 24 ore di musica non stop tra il 16 e il 17 aprile 2011, in pratica la notte della domenica delle Palme. All'appuntamento sul greto del Piave a Negrisia, nei pressi della località “Casa brusada”, avevano partecipato decine e decine di giovani provenienti da Treviso e Venezia con camper, tende e auto oltre che con impianti stereo e fiumi di alcol. La loro presenza però, seppur in un luogo isolato, non era sfuggita ai residenti della zona, infastiditi dalla musica ad alto volume fino a tarda notte. Dalla destra e dalla sinistra Piave infatti giunsero al 112 diverse telefonate che portarono al blitz dei carabinieri. Sul posto vennero identificati la mattina seguente i 18 giovani, tutti di età compresa tra i 21 ed i 30 anni, sia ragazze che ragazzi: per loro era scattata appunto la denuncia che li ha portati di fronte al giudice. Il procedimento penale si è dunque concluso con un accordo tra le parti (che accontenta tutti) e un nulla di fatto. Una vittoria per le difese visto che, in caso di condanna, i partecipanti al rave rischiavano una pena che poteva arrivare fino a due anni di reclusione, oltre alle ammende che nel caso specifico sarebbero state di gran lunga più salate di quanto dovranno sborsare ora i 18 imputati.