Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I titolari di una società di Godega a processo per maltrattamento di animali

LE GALLINE NON SONO MAI STATE MALTRATTATE: ALLEVATORI ASSOLTI

Nessun illecito ma una situazione di emergenza a causa di un guasto


GODEGA SANT'URBANO - (gp) Avevano tentato di salvare la vita alle galline che da anni allevavano con cura e passione, e per questo erano finiti a processo per rispondere del reato di maltrattamento di animali. In realtà si è trattato di un grosso equivoco. Tanto che i titolari di un allevamento di Godega Sant'Urbano sono stati assolti con formula piena. La vicenda risale al luglio del 2011 ed era nata come un controllo sanitario che poi si è trasformato in un'indagine perchè, per l'accusa, le galline ovaiole erano allevate in gabbie troppo strette. In realtà, come stabilito dal giudice, si trattava soltanto di una situazione anomala ed eccezionale. Ma andiamo con ordine. Attorno allo stabilimento, secondo alcuni residenti della zona, nell'estate di tre anni fa sarebbe aumentata in maniera considerevole la presenza di mosche. Una sorta  di “invasione” che aveva alimentato le lamentele dei cittadini per la presenza dell'allevamento, tanto che a sindaco, polizia locale e servizio veterinario arrivarono una serie di lettere per chiedere un controllo dello stabilimento. Così un veterinario dell'Ulss venne mandato a ispezionare i capannoni della società, trovando una situazione “alquanto precaria dal punto di vista dell'igiene”, come lui stesso definì in aula nelle precedenti udienze. Oltre alla sporcizia, a colpire sarebbe la presenza di sei o sette galline nella stessa gabbia di dimensioni di circa 40 per 45 centimetri. Si tratterebbe di una violazione delle norme che impongono uno spazio minimo “per il benessere della gallina ovaiola” che la legge ha ritoccato: dai vecchi 450 centimetri quadrati per animale si è passati prima a 550 e nel 2012 a 750. In quel caso, secondo gli ispettori, si era al di sotto dei 550 centimetri quadrati previsti all’epoca dei fatti, anche se non per tutte le galline. La realtà dei fatti, dimostrata poi in aula, è che non si trattava di una violazione, ma di un'emergenza. Anche perchè le galline non erano né denutrite né in evidente stato di sofferenza, e in più la situazione venne sanata nel più breve tempo possibile. Un paio di settimane prima del controllo sanitario, un fulmine colpì uno dei capannoni facendo saltare l'impianto di aerazione. Un episodio che non solo provocò la morte molte galline ma costrinse i proprietari, per salvare le superstiti, a metterle insieme ad altre galline in un secondo capannone. Nessun maltrattamento dunque, ma una soluzione temporanea per la salvaguardia delle galline allevate.