Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un 65enne di Conegliano dovrà anche pagare 5 mila euro di danni alle parti civili

PROPOSTA INDECENTE A 2 GIOVANI: CONDANNATO A 4 MESI DI ARRESTO

I fatti nel gennaio 2013 nel piazzale delle medie Grava di Conegliano


CONEGLIANO – (gp) Secondo l'accusa avrebbe avanzato una proposta indecente a due ragazzine di 12 anni, offrendo loro 50 euro. Per quell'episodio, risalente al gennaio del 2013, un 56enne di Conegliano è stato condannato per molestie e disturbo in luogo pubblico a 4 mesi di arresto e al pagamento di 5 mila euro alle parti civili (3 mila a una delle due vittime, e mille euro a testa ai genitori, che avevano chiesto complessivamente 20 mila euro di danni). Le parti civili avevano inoltre avanzato la richiesta di contestare all'uomo anche il reato di induzione alla prostituzione minorile, che il giudice non ha poi riconosciuto. La difesa, rappresentata dall'avvocato Andrea Zambon, ha già annunciato ricorso in appello in base a un'irritualità di individuazione dell'indagato. In pratica, una volta presentata la denuncia, le due vittime sarebbero state chiamate dagli inquirenti per riconoscere l'uomo che le avrebbe molestate. Aldilà del vetro, come succede in un confronto all'americana, non ci sarebbero state più persone ma soltanto il presunto colpevole. Fatto che per la difesa sarebbe sufficiente per contestare le accuse nel secondo grado di giudizio. La proposta indecente sarebbe stata fatta alle giovanissime all'esterno delle scuole medie Gava di Conegliano.