Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, solo due multe elevate da gennaio, Grigoletto: "Continuiamo a vigilare"

IN CENTRO STORICO A 30 KM/H ARRIVANO SEI NUOVI RADAR

Serviranno a monitorare il rispetto della misura presa da Ca' Sugana


TREVISO - Sei radar posizionati lungo il put interno di Treviso per controllare il rispetto dei limiti del provvedimento “Salva Pedoni”. La misura che prevede il limite dei 30 km/h per i veicoli che percorrono l’anello interno del Put, è stata introdotta dall’amministrazione Manildo a gennaio di quest’anno per consentire a bici e pedoni di muoversi in sicurezza all’interno delle mura cittadine. “I controlli fatti durante il primo periodo di istituzione della zona 30 hanno dato risultati positivi. Le multe elevate da gennaio ad oggi sono state solamente due. Anche nelle strade più larghe, come Viale d’Alviano dove la tendenza è quella di premere sull’acceleratore, la percentuale di chi viaggia entro i 50 km/h è quasi del cento per cento.  Le auto che prima tenevano i 30 km orari erano il 5 per cento, dopo l’entrata in vigore del Salva Pedoni sono invece diventate il 26 - dichiara l’assessore alla mobilità del Comune di Treviso Roberto Grigoletto - Continuiamo a vigilare sul rispetto del provvedimento perché questo livello di sicurezza venga garantito. Dalla prossima settimana e per una decina di giorni verranno posizionati lungo l’anello interno del Put sei nuovi radar.  E’ bene chiarire fin da subito che non si tratta di autovelox ma di rilevatori di traffico utili all’amministrazione per monitorare il rispetto della misura. L’obiettivo, come ho già avuto modo di dire – prosegue l’assessore - non è quello di fare cassa ma di mettere i cittadini in condizione di muoversi sicuri in bici o a piedi. Se gli esiti saranno positivi non sarà chiaramente necessario ricorrere alle sanzioni. In caso contrario invece si dovrà procedere in questo senso”.