Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Domenica avrebbe partecipato all'adunata nazionale, organizzò l'edizione del 1994

FOLLA DI ALPINI AL FUNERALE DI FRANCESCO ZANARDO

"Fede, Servizio e affetti familiari" i pilastri di vita nel ricordo del parroco


TREVISO - Una chiesa di Santa Maria Maddalena gremita di alpini e delle tante persone che ne hanno voluto celebrare il ricordo, ha ricevuto il feretro di Francesco Zanardo spentosi martedì mattina nella sua abitazione di via Cadore, a Treviso, all'età di 76 anni.

La voce commossa e rotta del parroco, don Giannino, ne ha accolto le spoglie nel ricordo di chi tanto ha saputo regalare anche alla comunità parrocchiale. “Dio, gli Alpini, la Famiglia - ha ricordato don Giannino - stanno a simboleggiare i tre pilastri valoriali dell'esitenza di Francesco Zanardo: la Fede, il Servizio e gli Affetti”. Una vita che ha saputo far fruttare proficuamente quei Talenti forniti dal Signore di cui hanno parlato le pagine del Vangelo scelto per la celebrazione: una parabola particolarmente amata da Francesco Zanardo.

Dagli alpini è stato ricordato come un leader che mai si imponeva ma che agli occhi di tutti era visto come tale. Così hanno ricordato lo spirito di iniziativa e di intraprendenza, l'ironia intelligente, lo sguardo critico rispetto alle questioni del quotidiano che lo hanno sempre spronato all'impegno civile, culturale e sociale dedicandosi ai valori del servizio e del volontariato.

Come da sua espressa volontà, dopo l'ultimo saluto il corpo sarà cremato e sepolto nel cimitero di Mogliano Veneto. Era nato a Mogliano Veneto nel 1937 ed aveva gestito per diversi anni l’attività di famiglia, il Bar Pasticceria Venezia, prima di trasferirsi a Treviso a metà degli anni ’70. Da sempre impegnato nel sociale, era stato a lungo consigliere comunale nel suo paese natale. Era stato tra i fondatori del Rugby Mogliano, con cui in gioventù aveva giocato. Aveva poi lavorato nel campo della tipografia e dell’editoria, da alcuni anni era in pensione. Aveva svolto il servizio militare come sottotenente nella Compagnia Comando del battaglione Feltre del 7° Reggimento alpini. Al corpo degli Alpini era sempre rimasto legatissimo, prima come capogruppo del gruppo di Mogliano, poi nella sezione Ana di Treviso, di cui è stato presidente per dieci anni dal 1990 al 2000. Tra le iniziative di cui andava più fiero, l’Adunata nazionale di Treviso del 1994, di cui era stato tra i principali promotori, e il Portello Sile, antico casello daziario restaurato e trasformato in spazio culturale degli alpini trevigiani, del cui comitato di gestione è stato primo e instancabile responsabile. Grande appassionato di storia e cultura locale trevigiana, era socio della Società Iconografica Trivigiana e della Congrega per il recupero delle tradizioni trevisane. Lascia la moglie Marta ed i figli Mattia e Rebecca.




Galleria fotograficaGalleria fotografica