Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dopo due mesi torna in libertą (con l'obbligo di firma) un 27enne trevigiano

LAP DANCER MOLESTATE E BOTTE AL BUTTAFUORI: TOLTI I DOMICILIARI

Disposta una perizia sulle ferite della vittima: forse non perderą un occhio


PREGANZIOL – (gp) Dopo quasi due mesi trascorsi agli arresti domiciliari, è tornato in libertà (con il solo obbligo di firma giornaliero) il 27enne trevigiano accusato di lesioni gravi e violenza a pubblico ufficiale dopo aver seminato il panico al night club “New Mille Lire” di Preganziol molestando prima le ballerine del locale e poi aggredendo i proprietari e un addetto alla sicurezza che lo volevano allontanare. Difeso dagli avvocati Alessandra Nava e Salvatore Cianciafara, l'uomo ha ottenuto l'alleggerimento della misura cautelare sancita dal tribunale del Riesame di Venezia. Una decisione frutto anche del miglioramento delle condizioni della vittima: il buttafuori, colpito con un pugno al volto, rischiava seriamente di perdere un occhio e i sanitari del Ca' Foncello, in cui venne ricoverato, sembrano fiduciosi nel recupero dell'uomo. Nel frattempo la Procura di Treviso ha conferito un incarico per stabilire la reale gravità delle lesioni riportate dal buttafuori, la prognosi e i tempi di recupero. Un accertamento necessario per sostenere l'accusa in vista del processo.