Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venerdì 9 maggio Beppe Rosso con "Dei liquori fatti in casa"

UNO SGUARDO SUL LAVORO, IL WEEKEND DEL TEATRO DEL PANE

Sabato 10 in scena Arbeit, un monologo con Anna Tringali


I vini e i liquori derivano da una tradizione antica e identificano sempre una terra e una civiltà. Parte da questo presupposto lo spettacolo di scena venerdì 9 maggio al Teatro del PaneDei liquori fatti in casa”, un monologo brillante scritto dal drammaturgo piemontese Remo Rostagno, interpretato da Beppe Rosso che, con il regista Gabriele Vacis, ha curato anche il riadattamento del testo.

La civiltà di cui si parla nello spettacolo è quella di una terra piemontese, le Langhe, terra di vini e di liquori, ma anche di grandi narratori: basti pensare ai vinti di Nuto Revelli, alle colline di Cesare Pavese, all’epopea paesana di Beppe Fenoglio.

Qui ci troviamo in paese della provincia italiana nei primi anni sessanta, con i personaggi che vivono la loro quotidianità improvvisamente scossa dall’arrivo di una forestiera, una giovane donna francese arrivata con la corriera che, ogni giorno, attraversa la piazza. Ma quel giorno, siamo nell’autunno del 1964, non è solo la partita di pallone elastico che viene interrotta, è tutto il paese che trattiene il respiro: il respiro delle donne e degli uomini che vedono la loro piazza solcata dall’amore, dal peccato, dal sogno o, addirittura, dalla rivoluzione.

 

In scena sulla sedia di una sala d’aspetto di una clinica, una giovane attrice e il suo talento, la sua generosità nel darsi fino in fondo, nel raccontare un mondo, il nostro, che purtroppo ha ancora bisogno di eroi. Con questa immagine sabato 10 maggio si alza il sipario del Teatro del Pane di Villorba dove andrà in scena Arbeit, uno spettacolo di purissimo Teatro Civile, un monologo che tratta - non senza humour nero - un tema urgente come quello del lavoro.

Scritto e messo in scena da Giorgio Sangenti e prodotto dalla compagnia padovana Teatro Bresci, Arbeit ha come protagonista una stupefacente Anna Tringali, nel ruolo di Nicoletta: una ragazza come tante, semplice, di provincia. La vita le ha dato poco e quel poco se l’è dovuto conquistare. Nicoletta ha imparato subito che il lavoro fa l’uomo, che senza non si può stare, non si deve. Ha scoperto che la felicità non si compra e che e va conservata con cura perché è fragile. Ma Nicoletta è una ragazza forte perché ha ancora l’incoscienza di rischiare e di sognare che le cose, forse, si possono cambiare; ha il coraggio raro di dire no, di difendere la dignità di essere uomini perché il lavoro, da solo, non rende liberi.

 

 

Orari e Prezzi:

 

Apertura porte ore 19:00,

Cena ore 20:00 (contributo 25,00 €)

Spettacolo 21:30 (contributo 10,00 €)



Galleria fotograficaGalleria fotografica