Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il pm di Latina Giuseppe Bontempo ha presentato richiesta di giudizio immediato

SUBITO A PROCESSO L'ASSASSINO DELL'ENOLOGO ULRICO CAPPIA

Accusato di omicidio volontario aggravato il 55enne Giuseppe Ruggieri


LATINA – (gp) Processo lampo per il killer di Ulrico Cappia, l’enologo di Conegliano di 57 anni ucciso il 4 settembre scorso a Itri, in provincia di Latina. Il pm Giuseppe Bontempo ha infatti depositato la richiesta di giudizio immediato per il 55enne Giuseppe Ruggieri, che era stato sospettato dagli investigatori fin dal prime fasi dell'indagine ma venne fermato soltanto due mesi più tardi dai carabinieri di Latina. Il professionista trevigiano, da un decennio residente in Lazio, ma con parenti e una figlia nella Marca, era stato assassinato con un colpo di pistola alla testa e poi carbonizzato nella sua auto, una Fiat 500 L. Sembra che tra il presunto omicida e la vittima ci fossero stati dissapori dopo il licenziamento dell'operaio da parte dell’enologo. Qualche giorno prima di essere ucciso, fra l’altro, Cappia aveva denunciato proprio l’ex dipendente dell’azienda agricola.