Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Quale squadriglia sarà campionessa di cortesia al Castello d'Amore?

OLTRE 600 SCOUT IN CENTRO, FESTEGGIANO IL SAN GIORGIO

Nella mattinata di domenica tante prove tecniche per Treviso


TREVISO - Hanno invaso pacificamente, con le loro camice azzurre e i fazzolettoni colorati, il Centro di Treviso: sono oltre 500 gli esploratori e le guide dell’AGESCI (quasi 600 considerando anche i loro capi) che questo fine settimana hanno gioiosamente riempito la città sfidandosi per diventare i campioni del Castello d’Amore e festeggiare il patrono San Giorgio.

Si sono riuniti già da sabato pomeriggio in Piazzale Burchiellati, dove era stato allestito un imponente alzabandiera, per il lancio del cuore delle attività, la sfida della domenica mattina lungo le vie del centro a suon di tecniche scout: espressione, pionieristica, primo soccorso e tante altre. E dopo il sonno ristoratore rigorosamente in tenda ospitati dalle parrocchie del circondario cittadino( e quest’anno il tempo è stato finalmente clemente) l’allegra tribù di ragazzi tra gli 11 e i 16 anni è tornata in centro per la staffetta delle varie prove tecniche.

Una bel fine settimana in cui anche i trevigiani di passaggio per le vie cittadine hanno accolto di buon grado l’invasione, talvolta chiedendo curiosi cosa facessero in città tutti questi “boy scout”, talvolta ricordando i tempi passati in cui anche loro hanno indossato il fazzolettone.


Galleria fotograficaGalleria fotografica