Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND ╚ IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE ╚ IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerÓ l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sette persone hanno patteggiato la pena, altre sei dal giudice a fine maggio

COCA A IMPRENDITORI E DIRIGENTI: CONDANNE PER 17 ANNI DI CARCERE

Primi verdetti per la banda che riforniva di droga la "Conegliano bene"


CONEGLIANO – (gp) Pene per oltre 17 anni di carcere. Questa l'entità dei patteggiamenti concessi a sette imputati dal gup Gioacchino Termini nei confronti di quella che gli inquiretni ritenevano un'organizzazione che spacciava cocaina a imprenditori, professionisti, dirigenti di Conegliano e dintorni tra i 120 e i 150 euro a dose. Un traffico di droga d'elite gestito per mesi da una banda albanese che venne sgominata dai carabinieri di Conegliano nel giugno dello scorso anno. Tredici le persone finite sotto accuse: per sette di loro è arrivata la sentenza, le altre sei torneranno in aula a fine maggio. Al vertice dell'organizzazione, secondo l'accusa, ci sarebbe stato il 58enne albanese, Dilaver Huqi, detto "lo zio", difeso dall'avvocato Fabio Crea: era stato arrestato il 3 febbraio 2013 quando i carabinieri trovarono 1,3 chili di cocaina nascosta nel passeggino del nipote. Il giudice ha accolto il patteggiamento a cinque anni di reclusione e al pagamento ddi 18 mila euro di multa. Da quell'arresto si svilupparono le indagini che incastrarono il resto della banda. Il 31enne di Vittorio Veneto Pietro Bortoluzzi, l'unico italiano finito in cella che avrebbe avuto il compito di scortare gli spacciatori accompagnandoli in auto fino dai clienti, ha patteggiato un anno e quattro mesi e 3600 euro di multa. Quattro anni e quattro mesi (più 22 mila euro) sono stati inflitti a Jerin Kuci, balcanico di 41 anni, due anni (pena detentiva sospesa) e 4 mila euro di multa al 45enne Fatmir Caka e al 31enne di Pieve di Soligo Elton Bejco, un anno e otto mesi e 4 mila euro di multa al 28enne Ismet Kala e un anno (in continuazione con una precedente sentenza) e 6 mila euro di multa al 27enne Elton Zylyftari. Punto d'appoggio della gang sarebbe stato un locale nel cuore del centro storico coneglianese, gestito da un connazionale: sarebbe stato proprio lì che l'organizzazione avrebbe pianificato lo smercio della polvere bianca e avrebbe procacciato i clienti facoltosi a cui smerciarla. Clienti e spacciatori, rivelano gli investigatori, si accordavano tra loro parlando al telefono di "polizze".