Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Documento congiunto di tutte le categorie: "Fate come noi, mettevi insieme"

"MENO BUROCRAZIA, MENO TASSE, PIÙ AGGREGAZIONI E COLLABORAZIONI"

Le richieste di imprese e sindacati ai futuri sindaci della Marca


TREVISO - Semplificare i livelli e le funzioni amministrative; ridurre la burocrazia; limitare il peso delle tasse locali su famiglie ed imprese; attuare azioni concrete per tagliare la spesa pubblica e recuperare risorse. Sono gli impegni che le associazioni imprenditoriali e i sindacati della Marca propongono a tutti i candidati sindaci dei 57 Comuni trevigiani dove il prossimo 25 maggio si terranno le elezioni amministrative. Le categorie economiche hanno sintetizzato le proprie istanze in un documento comune, firmato da Confcommercio, Casartigiani, Cia, Cna, Coldiretti, Confagricoltura, Confartigianato, Confcooperative, Confesercenti, Unindustria, Cgil, Cisl e Uil. E, questo, al di là dei punti specifici, è lo spirito di base che chiedono anche ai governati locali: superare divisioni ideologiche, fare squadra, elaborare una visione comune, “nella consapevolezza che siamo tutti sulla stessa barca”, come ricorda Guido Pomini, presidente provinciale di Confcommercio.

Tra i temi principali su cui imprese e lavoratori puntano, l'aggregazione tra Comuni, come strumento per recuperare efficienza pur con meno risorse. Alfonso Lorenzetto, numero uno della Cna di Treviso.

E poi l'obiettivo di gravare meno possibile su chi - per usare le parole del documento - “su territorio vive, lavora e produce ricchezza”, ovvero cittadini e piccole aziende, sottolinea Franco Lorenzon, leader della Csil di Treviso e Belluno.

Con un'attenzione particolare alle fasce più deboli, richiesta dalle organizzazioni sindacali, ribadisce Giacomo Vendrame, segretario provinciale della Cgil.

Le categorie invitano anche i municipi a valutare le possibili partecipazioni in varie società e a dismettere quelle non strategiche, come nell'aeroporto o nelle autostrade, destinando i fondi recuperati ai servizi per i cittadini.