Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sfs, altra società del gruppo, riassume ma senza contratto nazionale

"CASONATO CI DICA CHI VUOLE ACQUISIRE LA NES"

La richiesta della Cgil al commissario in vista dell'incontro del 23 maggio


TREVISO - “Confidiamo che all’incontro del 23 maggio Casonato ci dica chi è interessato all’acquisto di Nes e i cui interessi, tra i quali quelli dei lavoratori, sono affidati al commissario straordinario”. Così Danilo Maggiore della Filcams Cgil dopo le dichiarazioni di Sante Casonato relativamente all’incapacità gestionale di Luigi Compiano e del management delle aziende della galassia Compiano. “Ci rincuora che dalla relazione del commissario emerga che la crisi del gruppo non sia dettata unicamente da una crisi di business ma dalla pessima gestione finanziaria e imprenditoriale da parte di Luigi Compiano e dei suoi manager, Dopo i vari annunci di Casonato ora chiediamo però nomi e cognomi dei possibili acquirenti di Nes – ha detto Danilo Maggiore – ad oggi, infatti, non abbiamo ricevuto nessuna informazione in merito. È, inoltre, giunto il momento per discutere di politiche attive per i lavoratori, quali reinserimento e ricollocazione ma anche riqualificazione professionale che dia loro la possibilità di essere impiegati anche in altri settori. Ai dipendenti del gruppo – ha sottolineato Maggiore - devono essere assicurate le maggiori garanzie: ammortizzatori sociali, impiego presso altri istituti del territorio, ma anche la possibilità di trovare una diversa occupazione”.

“Resta poi aperta la questione Sfs (altra società della galassia Compiano, ndr) – continua Maggiore – non siamo pienamente soddisfatti rispetto al mantenimento dei termini contrattuali. Per la trentina di dipendenti è sì garantita l’occupazione in Vision Security, ma a caro prezzo. Hanno, infatti, dovuto aderire ad una accordo dei servizi fiduciari sottoscritto solo da Uiltucs uscendo dal contratto nazionale e dalle sue garanzie”.