Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sfs, altra società del gruppo, riassume ma senza contratto nazionale

"CASONATO CI DICA CHI VUOLE ACQUISIRE LA NES"

La richiesta della Cgil al commissario in vista dell'incontro del 23 maggio


TREVISO - “Confidiamo che all’incontro del 23 maggio Casonato ci dica chi è interessato all’acquisto di Nes e i cui interessi, tra i quali quelli dei lavoratori, sono affidati al commissario straordinario”. Così Danilo Maggiore della Filcams Cgil dopo le dichiarazioni di Sante Casonato relativamente all’incapacità gestionale di Luigi Compiano e del management delle aziende della galassia Compiano. “Ci rincuora che dalla relazione del commissario emerga che la crisi del gruppo non sia dettata unicamente da una crisi di business ma dalla pessima gestione finanziaria e imprenditoriale da parte di Luigi Compiano e dei suoi manager, Dopo i vari annunci di Casonato ora chiediamo però nomi e cognomi dei possibili acquirenti di Nes – ha detto Danilo Maggiore – ad oggi, infatti, non abbiamo ricevuto nessuna informazione in merito. È, inoltre, giunto il momento per discutere di politiche attive per i lavoratori, quali reinserimento e ricollocazione ma anche riqualificazione professionale che dia loro la possibilità di essere impiegati anche in altri settori. Ai dipendenti del gruppo – ha sottolineato Maggiore - devono essere assicurate le maggiori garanzie: ammortizzatori sociali, impiego presso altri istituti del territorio, ma anche la possibilità di trovare una diversa occupazione”.

“Resta poi aperta la questione Sfs (altra società della galassia Compiano, ndr) – continua Maggiore – non siamo pienamente soddisfatti rispetto al mantenimento dei termini contrattuali. Per la trentina di dipendenti è sì garantita l’occupazione in Vision Security, ma a caro prezzo. Hanno, infatti, dovuto aderire ad una accordo dei servizi fiduciari sottoscritto solo da Uiltucs uscendo dal contratto nazionale e dalle sue garanzie”.